Terremoto, arrivano clown e giocolieri ad Amatrice e nelle zone terremotate

Fa tappa nel Centro Italia lo spettacolo 'Esprimi un desiderio' del 'Carrozzone degli artisti',. Intanto la Caritas cerca volontari per animare i centri estivi nelle zone terremotate
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Una carovana di clown, giocolieri e saltimbanco nel cratere del sisma con il compito di fare compagnia i bambini di Amatrice, Accumuli e degli altri centri del Centro Italia colpiti dal terremoto del 2016. E di farli divertire, ovviamente. I clown del ‘Carrozzone degli artisti‘ arriveranno nel Centro Italia (il 2 luglio sarà a Cittaducale, il 3 Accumoli, il 4 Amatrice e il 5 Borbona) e saranno un diversivo, proprio come lo saranno i campi estivi per bambini organizzati dalle Caritas delle dieci diocesi lombarde, che vanno ‘in trasferta’ nel Centro Italia in virtù del gemellaggio tra la Delegazione lombarda degli organismi caritativi e la Diocesi di Rieti.

Per organizzare i campi, la Caritas lancia un appello per trovare volontari che affianchino gli educatori. In particolare, si cerca per i campi estivi nei comuni di Posta, Borbona, Cittareale, Amatrice e Accumoli. Per informazioni e prenotazioni si può contattare l’Area Emergenze al numero 02 76037.236 e all’email [email protected]

L’obiettivo dei campi estivi – che si svolgeranno in luglio e agosto è accompagnare l’estate dei bambini che ancora non sono rientrati nelle loro case con animazione, gioco, studio e preghiera. Ogni squadra di volontari sarà composta da un massimo di 15 persone e i turni dureranno ognuno una settimana. Il primo gruppo arriverà la seconda settimana di luglio. Ma ognuna delle Caritas lombarde ha già aperto le prenotazioni (sui rispettivi siti si possono trovare informazioni e numeri di telefono e modalità per offrire la propria disponibilità).

Gli artisti invece porteranno in Centro Italia “Esprimi un desiderio“, uno spettacolo di teatro integrato messo in scena da attori con e senza disabilità dalla compagna “Il Carrozzone degli artisti” grazie alla Delegazione delle Caritas lombarde. Il Carrozzone in viaggio per le piazze d’Italia, raggiungerà il 2 luglio Cittaducale, il 3 Accumoli, il 4 Amatrice, il 5 Borbona, per poi tornare in Lombardia dove è partito il 27 aprile. I 15 elementi che compongono la compagnia proporranno uno show incentrato sull’arte circense.

IL VESCOVO DI RIETI: “RISPOSTE CONTINUANO A NON ARRIVARE”

A spiegare il clima ancora difficile che si respira nei centri colpiti dal terremoto è il vescovo di Rieti, monsignore Domenico Pompili: “Il ‘popolo delle seconde case’ è sempre stato per le nostre terre una grande risorsa. Portava energia, vita e dava anche un po’ di linfa all’economia locale. Purtroppo non è ancora rientrato e anche quest’anno non ritornerà, perché la ricostruzione pubblica stenta a decollare e quella privata langue”. Il monsignore ricorda anche le “tante decisioni rinviate e le risposte che non arrivano dalle istituzioni“, e conclude: “Abbiamo bisogno di percepire forse più ancora che nei giorni della tragedia che non siamo stati dimenticati. Per questo i volontari dei campi estivi e gli artisti saranno per noi una benedizione”, spiega monsignore Domenico Pompili.

(Le foto del Carrozzone degli artisti sono tratte dalla loro pagina Facebook)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

5 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»