Comuni, il Viminale frena sul reclutamento dei segretari. Unscp: “Sconcertati”

L'Unione dei segretari comunali sul piede di guerra dopo il voltafaccia del ministero degli Interni sulla norma contenuta nello Sblocca cantieri: "Così si indebolisce nostra figura"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “In ordine all’emendamento al decreto Sblocca Cantieri che riguarda i segretari comunali, l’Unione esprime una grandissima preoccupazione per il rischio che una grande opportunità per rivitalizzare una categoria e dare risposta alle esigenze dei Comuni privi di segretari sia vanificata da una immotivata e irragionevole posizione contraria del ministero dell’Interno”. Lo ha dichiarato all’agenzia Dire il segretario dell’Unione nazionale dei segretari comunali e provinciali, Alfredo Ricciardi, in merito all’emendamento al decreto Sblocca Cantieri contenente garanzie per la categoria dei segretari.

La norma, ha spiegato Ricciardi, “era stata riformulata in modo da eliminare qualunque rischio che le disposizioni in materia di vicesegretari costituissero in qualsiasi modo un indebolimento della figura del segretario o potessero pregiudicare le legittime aspettative di carriera dei segretari già iscritti nella fascia iniziale dell’albo mediante il concorso riservato, di velocità certamente superiore al corso-concorso e di pari garanzia per la professionalità dei nuovi segretari da immettere nell’Albo. In questo modo si dava una risposta immediata”.

La situazione, però, sembra essersi capovolta nelle ultime ore: “Abbiamo apprezzato la posizione del viceministro Laura Castelli che si è spesa per questo emendamento e rimaniamo sbigottiti che a frenare l’iter della norma possa essere proprio il ministero dell’Interno, che ha in gestione l’Albo e dovrebbe essere il soggetto istituzionale più interessato all’approvazione di questo emendamento- ha rilevato il segretario dell’Unscp- Non comprendiamo pertanto le posizioni contrarie espresse dal sottosegretario Carlo Sibilia e auspichiamo che le voci che stiamo apprendendo siano infondate e che il ministero dell’Interno dia il suo pieno appoggio alla norma così come riformulata”, ha concluso Ricciardi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

5 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»