Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bologna, inaugurato l’Atomium bolognese di 11 metri/FOTO e VIDEO

Da oggi e fino al 12 giugno in piazza Settembre si può ammirare questa scultura fatta dai volontari di Aido (San Bonifacio, Verona)
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – É partita ufficialmente la settimana #All4thegreen con l’inaugurazione dell’Atomium bolognese, riproduzione del colosso di alluminio riciclato, da 2.000 chili, che si trova a Bruxelles. La versione felsinea non è alta 102 metri come l’originale, ma è altrettanto imponente: 11 metri di altezza, con una base di otto e una circonferenza di nove, è ricoperta di lattine e tappi. Al taglio del nastro erano presenti, oggi pomeriggio in piazza XX settembre, il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, l’assessore all’Urbanistica del Comune di Bologna Valentina Orioli e il direttore generale del consorzio Cial Gino Schiona.

La costruzione dell’Atomium bolognese, che sarà visibile al pubblico fino al 12 giugno, è opera dell’Associazione di volontariato Aido di San Bonifacio (Verona) che, sostenuta da Cial, destinerà il ricavato a scopi sociali. Prima dell’Atomium, Cial aveva già contribuito alla realizzazione di riproduzioni come quella dell’Arena di Verona (1989), del Teatro alla Scala di Milano e del Colosseo. Al taglio del nastro erano presenti anche i volontari di Aido, che sono stati ringraziati personalmente dal ministro dell’Ambiente. “Questo maxi Atomium riciclato di lattine di alluminio ci ricorda quanto sia importante uno smaltimento corretto dei rifiuti- commenta Galletti- Il riciclo dell’alluminio ha permesso, in questi ultimi anni, di raggiungere e superare gli obiettivi previsti dalla normativa europea. L’Italia è al primo posto in Europa con oltre 927mila tonnellate di rottami riciclati”. Il taglio del nastro è arrivato, non a caso, nella Giornata mondiale per l’ambiente. “Atomium rappresenta l’impegno comune per una gestione dei rifiuti sempre più lungimirante- dice Orioli- per garantire un futuro all’ecosistema e alle nostre città”.

di Michele Bonucci, giornalista

(Immagini e video di Davide Landi)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»