Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rsa, Zingaretti: “Entro metà maggio nel Lazio via libera alle visite dei parenti”

Il presidente della Regione annuncia anche che sabato si vaccinerà con AstraZeneca
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Entro metà maggio anche il Lazio riaprirà le Rsa alle visite dei parenti. Lo faremo seguendo le regole e le raccomandazioni date. Apriremo in sicurezza”. Lo ha annunciato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, durante la conferenza di presentazione degli effetti della campagna vaccinale sulla fascia over 80. “La vaccinazione è l’arma che ci permetterà di vincere la battaglia contro il Covid, non la demagogia del ‘liberi tutti’ – ha aggiunto Zingaretti – La Regione Lazio ha sempre seguito le indicazioni della scienza e non è un caso se siamo stati quelli con più giorni in zona gialla“. Il governatore del Lazio ha anche detto che nei prossimi giorni toccherà anche a lui vaccinarsi: “Sabato farò il vaccino AstraZeneca. Sono nato nel 1965 ed è arrivato il mio turno”. Zingaretti aveva avuto il Covid durante la prima ondata della pandemia: il 7 marzo 2020 su Facebook aveva annunciato la propria positività al tampone e dopo 23 giorni di isolamento domiciliare era risultato negativo al test per il coronavirus.

LEGGI ANCHE: Covid, Sant’Egidio: “Il 64% delle Rsa non consente ancora visite agli ospiti”

Sì alle visite nelle Rsa con il green pass: la proposta di Moratti alle Regioni

“BENE MANTENERE IL COPRIFUOCO, ATTENZIONE ALLE VARIANTI”

Il presidente della Regione Lazio è tornato anche sul dibattito politico su riaperture e coprifuoco: “Il governo ha fatto bene a mantenere le regole come il coprifuoco che contengono il contagio. Basta vedere l’improvvisa esplosione del numero di casi in Brasile e India causati dalla varianti, per capire che bisogna continuare a mantenere le regole”. Secondo Zingaretti “adesso i promotori della campagna vaccinale dovranno essere i ragazzi, perché se si vuole tornare in discoteca, andare in vacanza, andare all’estero, bisogna vaccinarsi“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»