Porto di Gioia Tauro, Aponte (Msc) conferma impegno per le riassunzioni

Nella stessa lettera Aponte ha "manifestato grande apprezzamento nei confronti dei lavoratori portuali, e la buona resa del porto è stata raggiunta grazie alle maestranze
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

REGGIO CALABRIA –  In merito agli investimenti, alla riassunzione delle maestranze e di altro personale al porto di Gioia Tauro (Reggio Calabria) vi è la conferma dell’impegno del patron di Msc Gianluigi Aponte che ha scritto una lettera al commissario straordinario dell’Autorità portuale Andrea Agostinelli. “A tale riguardo – ha scritto Aponte – confermo la nostra intenzione di reintegrare le poche persone che attualmente sono inserite nella Gioia Tauro port agency”. Nella stessa lettera Aponte ha “manifestato grande apprezzamento nei confronti dei lavoratori portuali, e la buona resa del porto è stata raggiunta grazie alle maestranze. Cosa che ci dà la fiducia – ha aggiunto – per continuare ad indirizzare sempre più volumi su Gioia Tauro e per far diventare Gioia Tauro il porto più importante del Mediterraneo”. A distanza di un anno dall’insediamento di Msc, tramite la sua controllata TIL, lo scalo calabrese è stato protagonista di un piano di investimento, che ha interessato il rinnovo del parco macchine operanti nel piazzale portuale.
Tra gli altri mezzi, sono giunte a Gioia Tauro, direttamente dalla Cina, le tre gru a cavalletto, tra le più grandi al mondo, capaci di lavorare navi da 22 mila teus con un braccio d’estensione che copre ben 24 file di containers. Dal canto suo, l’Autorità portuale di Gioia Tauro, al fine di garantire il livello di profondità del canale e di permettere l’attracco delle mega portacontainer di ultima generazione, nel marzo 2019, ha dato avvio ad uno specifico programma triennale di lavori di manutenzione ordinaria dei fondali, del valore complessivo di 5 milioni di euro. Per migliorare la sicurezza della navigazione, anche, nelle ore notturne, l’Ente, guidato dal commissario straordinario Andrea Agostinelli, ha disposto l’installazione di un sistema di rilevamento e gestione dei dati relativi alla corrente, all’altezza delle onde, alla marea e ai dati metereologici.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»