Napoli, Salvini: “Ci sono stato 4 volte”. E attacca de Magistris: “Smetta di pensare a immigrati”

Dopo le polemiche sulla sicurezza Salvini ricorda i reati in calo e attacca de Magistris: "Se un sindaco si occupa di allestire flotte per riempirle di immigrati, i napoletani scelgano un altro sindaco"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il ministro degli interni risponde con i fatti e i reati quest’anno sono in calo di più del 10%”. Così Matteo Salvini durante un appuntamento elettorale a Firenze. “Ieri- dice- quelli del Pd si sono divertiti a scrivere sui social Salvini dimettiti perché c’è un Paese fuori controllo”, aggiunge. Le polemiche si sono scatenate dopo il ferimento di Noemi, una bimba di 4 anni, avvenuto venerdì durante una sparatoria in strada. La piccola è in gravi condizioni all’ospedale Santobono.

LEGGI ANCHE: Napoli, Fico da Noemi ferita. In piazza in migliaia per dire ‘no’ alla camorra

L’attacco a de Magistris: “Pensi alla sicurezza e non ai migranti”

“Sono stato quattro volte a Napoli dove ho fatto più comitati per l’ordine e la sicurezza a Napoli che in tutte le altre città italiane”, prosegue e poi attacca Luigi De Magistris: “Se un sindaco si occupa di allestire flotte per riempirle di immigrati i napoletani scelgano un altro sindaco”.

“REATI CALANO, CON ASSUNZIONI NUMERO ANCORA MIGLIORI”

“Sono al lavoro per arrestare mafiosi, assassini, spacciatori e delinquenti in genere: la mia attenzione resta alta. Grazie di cuore a tutte le Forze dell’Ordine perché questo 2019, pur con gravi episodi, anche recenti, su cui gli inquirenti stanno indagando senza sosta, vede un fortissimo calo di reati. Conto che l’assunzione e l’entrata in servizio delle migliaia di donne e uomini in divisa, così come abbiamo previsto nell’ultima legge finanziaria, possano portare numeri ancora migliori”. Lo sottolinea il ministro dell’Interno Matteo Salvini, commentando dato del Viminale per cui calano i delitti commessi in Italia: -15% nel raffronto tra il 2018 e il 2019 (omicidi -12,2%, tentati omicidi -16,2%, violenze sessuali -32,1%, rapine -20,9%, furti -15,1%.

“La stima dei reati vede un calo nell’ultimo anno, che non a caso ha visto il rafforzamento degli organici di polizia su tutto il territorio nazionale, mentre è di questi mesi la riorganizzazione delle questure ed è già stato finanziato il piano straordinario di assunzioni”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

5 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»