Giro d’italia, ad Alghero è iniziata la 100° edizione

Oggi la tappa inaugurale fino a Olbia, domani il percorso da Olbia a Tortolì e domenica l'arrivo a Cagliari
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAGLIARI – È iniziato ufficialmente stamattina poco dopo le 12, nella spettacolare cornice di Alghero, l’edizione numero cento del Giro d’Italia. A dare il via alla corsa ciclistica, tornata nell’isola dopo dieci anni di assenza, il presidente della Regione Francesco Pigliaru e il ministro dello Sport Luca Lotti. Dopo la tappa inaugurale di oggi fino Olbia, saranno due le frazioni della gara rosa che si svolgeranno in Sardegna: domani da Olbia a Tortolì e domenica dal centro ogliastrino a Cagliari.

“Abbiamo voluto con determinazione la grande partenza del Giro numero 100, una coincidenza che per noi, che siamo l’isola dei centenari, assume un significato particolare- le parole Pigliaru-. La Sardegna è una destinazione fantastica in tutte le stagioni dell’anno e il ciclismo, che è lo sport che meglio permette di mostrare il paesaggio, è un veicolo ideale per far passare questo messaggio”. Non a caso, sottolinea ancora il governatore, “stiamo puntando molto sulla rete di ciclovie, duemila chilometri su cui abbiamo già investito 15 milioni. Vogliamo che diventi un percorso tra i più interessanti d’Europa, un attrattore soprattutto nei mesi in cui non ci si ferma solo sulle spiagge e ci si può immergere nella bellezza del nostro scenario naturale, soprattutto nelle zone interne, viaggiando lentamente e in modo sostenibile”.

di Andrea Piana, giornalista professionista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»