Cooperazione Usa, Della Vedova: “No indifferenza, Trump impegnati”

"Passare dall'esportazione della democrazia con le armi all'indifferenza per la democrazia e i diritti sarebbe un errore"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sarebbe un errore grave se Donald Trump confermasse la decisione di ritirare l’impegno degli Stati Uniti per la cooperazione e il finanziamento agli organismi multilaterali” sottolinea il sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova, in una videointervista alla DIRE.

“Sono cresciuto in una liberal-democrazia imperfetta come tutte le altre, ma penso che i valori delle libertà e diritti umani vadano promossi anche con visione internazionale e transnazionale” dice Della Vedova. Convinto che all’origine del “successo economico” e dello status di “potenza mondiale” degli Stati Uniti ci sia per altro proprio la loro “proiezione esterna”, segno distintivo almeno dai tempi della Seconda guerra mondiale.

Il sottosegretario, poi, cita un discorso rivolto questa settimana ai diplomatici americani dal segretario di Stato Rex Tillerson: “Leggere che ora la priorità è la sicurezza nazionale mi preoccupa perché gli Stati Uniti hanno avuto come alleati anche Paesi o regimi disattenti ai diritti umani ma la loro proiezione esterna è sempre stata all’insegna della promozione dei diritti umani e della libertà; passare dall’esportazione della democrazia con le armi all’indifferenza per la democrazia e i diritti sarebbe un errore che gli Stati Uniti finirebbero per pagare e che l’Europa, nel suo interesse, non può permettersi”.

Secondo il sottosegretario, d’altra parte, bisogna saper distinguere tra gli annunci che a novembre hanno portato Trump alla Casa Bianca: “Sul piano generale la propaganda che ha sostenuto l’elezione del presidente si è già un po’ sgonfiata e le sue decisioni, dal muro al confine con il Messico agli accordi commerciali, sembrano già in ritirata”.

Indicazioni positive sono venute a Della Vedova anche da una riunione al Consiglio di sicurezza dell’Onu, alla quale l’Italia ha partecipato nei giorni scorsi come membro che detiene la presidenza del comitato per le sanzioni nei confronti della Corea del Nord. “Tillerson – annota il sottosegretario – ha manifestato un approccio molto più pragmatico e meno roboante di quello che sembrava si preannunciasse, anche rispetto a uno scenario multilaterale”.

LEGGI ANCHE:

Francia, Della Vedova: “Tifo Macron e Ue, per Italia forte” VIDEO

Della Vedova: “Vi spiego Forza Europa, radicali pro-Ue” VIDEO

Migranti, Della Vedova: “Su ong polemica stupida, quest’anno record di morti” VIDEO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»