Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sciame di api in Piazza Maggiore a Bologna, intervento dei vigili (e dell’apicoltore)

BOLOGNA - E' stata una mattinata movimentata di
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

api3

BOLOGNA – E’ stata una mattinata movimentata di fronte a Palazzo D’Accursio e in piazza del Nettuno a Bologna. A far scattare l’intervento della Polizia municipale è stato uno sciame di api in cerca di casa, diventato con il passare delle ore sempre più grande. Dopo il primo avvistamento, questa mattina, sulla facciata del palazzo comunale (è successo anche in passato che si radunassero da quelle parti), le api si sono spostate, sempre più numerose, sulla fontana del Giambologna, attirando la curiosità di passanti e turisti. I vigili urbani hanno così transennato il Nettuno per evitare che qualcuno avvicinandosi potesse innervosire gli insetti e creare una situazione di potenziale pericolo.

Gli agenti, che si sono ben guardati dall’intervenire bruscamente per cacciare lo sciame, hanno poi aspettato l’arrivo di un apicoltore per far entrare le api in un’arnia. Si tratta di un classico caso di sciamatura, un fenomeno che di solito avviene proprio nel mese di maggio, quando la vecchia ape regina, assieme ad un gruppo di api operaie e a un drappello di fuchi, in cerca di una nuova ‘casa’, lascia l’alveare dove altre api si preparano alla nascita della nuova regina.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»