Your monthly usage limit has been reached. Please upgrade your Subscription Plan.

Italia
°C

Spacca: non è stato ribaltone, servono sensibilità nuove

[caption id="attachment_8152" align="alignleft" width="300"] GIAN MARIO SPACCA[/caption] “Si è
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
GIAN MARIO SPACCA
GIAN MARIO SPACCA

“Si è chiusa un’esperienza di governo con una formazione di centrosinistra che è andata al confronto con gli elettori, cinque anni fa, con un programma che è stato realizzato. Il mio giudizio su questa legislatura è positivo, perché è stato portato a termine un progetto di buongoverno. Nessun ribaltone, dunque, come qualcuno accusa, perché la legislatura si è conclusa nel suo termine naturale. La politica, però, è guardare al futuro e ai nuovi problemi della nostra regione. Uno dei principali, oggi, è la crescita, lo sviluppo, la produzione del reddito. Per affrontarlo occorrono sensibilità differenti rispetto al passato”. Lo ha detto Gian Mario Spacca, presidente uscente e candidato per Marche 2020, Area popolare, Democrazia cristiana e Forza Italia, oggi alla presentazione dei candidati della provincia di Macerata di Marche 2020 Area popolare.

Poi, ha aggiunto: “La produzione di ricchezza nelle Marche sta scendendo sotto la media nazionale. Se non si ha reddito non si hanno le risorse da investire in scuola, sanità, sociale. Dire, come fa qualcuno in questa campagna elettorale, che si realizzerà questo o quel progetto, che si investirà in questo o quel settore, fare un annuncio diverso ogni giorno, inventarsi hashtag-spot, significa quindi fare solo demagogia. Perché tutto è connesso alla disponibilità di risorse. E’ per questo che la nostra coalizione ha messo al centro del programma il rilancio dell’imprenditorialità in ogni settore, ha chiamato a raccolta tutti coloro che si preoccupano di organizzare le risorse non per consumarle ma per ricrearle e produrne ancora”.

Spacca ha quindi ricordato che l’alleanza che si presenta alla elezioni regionali non è un incontro di sigle politiche, ma di sensibilità su queste priorità. “Il 31 maggio sarà un referendum tra chi teorizza la crescita e chi la decrescita felice; chi un modello di città-regione in cui ogni territorio coltiva le proprie peculiarità e chi un modello metropolitano e centralistico; chi un modello di governance e chi un modello di governo con la sovrapposizione tra burocrazia di partito e governo regionale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»