Ndrangheta. Platì, Bruno Bossio pronta a candidarsi

ROMA - "Quella di Magorno non è da intendere
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

platìROMA – “Quella di Magorno non è da intendere come una semplice provocazione politica e culturale. Dobbiamo fare di tutto perché sia una idea da portare a compimento. Per quanto mi riguarda ho dato la mia disponibilità a sostenere attivamente questa iniziativa e, quindi, a candidarmi in una lista al consiglio comunale di Platì a sostegno del segretario regionale del PD candidato a sindaco”. Cosi’ la deputata del Pd Enza Bruno Bossio.

Il Comune di Platì è stato sciolto un anno e mezzo fa per presunte ingerenzecriminali. Da allora è commissariato e per la tornata elettorale del 2015 nessuna lista è stata presentata.

“Dobbiamo tentare come parlamentari del PD- aggiunge- di essere all’avanguardia di un movimento che coinvolga forze sociali e culturali affinché Platì non sia l’epilogo della sopraffazione mafiosa ma la prova della forza della democrazia e della legalità. Ovviamente oltre a dichiarare la disponibilità a mettersi in campo dobbiamo fare di tutto, attraverso l’impegno del PD, per coinvolgere nel voto la maggioranza dei cittadini di Platì e fare comunque in modo che anche in quel comune possa insediarsi una amministrazione democratica e legittimata dal mandato popolare“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»