hamburger menu

A Vicenza ‘Z’ su un palazzo sotto bandiere dell’Ucraina, “Chi ha visto parli”

Nel Comune di Montecchio Maggiore. L'ex sindaco e la consigliera della Lega: "Rintracciare e punire gli autori"

05-04-2022 17:34
z_palazzo_montecchi
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

VENEZIA – “Oggi nel Comune di Montecchio Maggiore uno o più vandali hanno disegnato con il simbolo ‘Z’ la base del palazzo in cui vive una donna ucraina: un gesto di stupidità e inciviltà ingiustificabili. Se qualche residente o passante ha visto qualcosa, lo prego di rivolgersi alle autorità affinché i responsabili vengano rintracciati e puniti”. Così la consigliera regionale Milena Cecchetto, dell’Intergruppo Lega–Liga Veneto in Consiglio regionale, lancia un appello a fronte del vandalismo ad un palazzo nel suo Comune di Montecchio Maggiore.

LEGGI ANCHE: Ucraina, cosa significa la Z usata dai russi

“Episodi come questi sono un insulto per tutti i cittadini del nostro Comune– riprende Cecchetto, già sindaco di Montecchio Maggiore– una nostra concittadina ha esposto una bandiera ucraina dalla finestra, segno di vicinanza e preoccupazione per i parenti che stanno vivendo la guerra. Qualche idiota, perché non si può definirlo che così, armato di bomboletta spray ha imbrattato tutta la base del palazzo in cui questa donna vive con la sua famiglia e i suoi bambini, circondandolo con tutta una serie di ‘Z’, simbolo dell’invasione russa a sostegno della guerra in Ucraina. Spero che i responsabili vengano individuati e denunciati, che la punizione sia esemplare– afferma la consigliera– oltre a far loro ripulire gli imbrattamenti”. Montecchio Maggiore è un Comune “conosciuto per solidarietà e accoglienza– aggiunge la consigliera- questo gesto è sintomo di stupidità, inciviltà e ignoranza, oltre che cattiveria. Invito qualsiasi residente, condomino o passante che abbia assistito alla scena a fornire dettagli alle forze dell’ordine affinché i colpevoli vengano individuati”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-04-05T17:34:42+02:00

Ti potrebbe interessare: