“Bella ciao” all’asilo, l’Anpi: “Non è il canto dei comunisti, è un patrimonio da difendere”

"Oggi Bella Ciao è un canto tradotto in almeno 40 lingue, racconta molto altro oltre alle parole". L'Anpi interviene dopo il caso della canzone fatta ascoltare ai bambini in un asilo nido di Bologna
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Bella Ciao è una delle canzoni italiane più conosciute al mondo. Durante la Resistenza non ha avuto una gran diffusione in quanto era nota solo ad alcuni combattenti e in zone circoscritte, solo successivamente è diventata un canto simbolo, un inno internazionale di libertà.

Moni Ovadia scrive che Bella Ciao è “una canzone che ancora mobilita i cuori e le menti di donne e uomini che non hanno rinunciato ad opporsi all’oppressione in qualunque forma e sotto
qualunque sole si manifesti”.

Oggi Bella Ciao è un canto tradotto in almeno 40 lingue ed è protagonista di tutti i 25 Aprile, del repertorio di bande di paese e di quello di musicisti strepitosi, primo fra tutti Riccardo Tesi. Intonata in occasione di funerali laici (il ricordo va a Enrico Berlinguer, Enzo Biagi, Bruno Trentin, Pietro Ingrao, don Gallo), ma anche a Parigi dopo la strage alla redazione del giornale satirico Charlie Hebdo, la canzone è stata via via adottata dai braccianti messicani in California, dai combattenti curdi, dagli armeni dispersi nel mondo.

In sostanza, è come se Bella Ciao fosse sempre lì a scandire i passaggi importanti della storia contemporanea. Un piccolo bene immateriale capace di segnare il confine tra la guerra e la Liberazione. Tra le guerre e le Liberazioni. Commette un grave errore chi pensa che sia il canto dei comunisti da contrapporre ai canti patriottici o che vada considerato paritetico agli inni del ventennio. Bella Ciao è un canto antifascista e quindi inneggiante ai valori più profondi e autentici della democrazia, nata dalla Resistenza.

Ecco perché Bella Ciao è l’esempio di come una canzone possa raccontare molto altro oltre alle parole e al ritmato battimani che l’hanno fatta conoscere ed amare nel mondo e che piace così tanto
ai bambini. Bella Ciao è una canzone di tutti, un patrimonio prezioso da conoscere e da difendere.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»