Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Napoli, muore 16enne al Cardarelli: “Sospetta meningite”

Anche la sorella del ragazzo di 20 anni è arrivata al pronto soccorso del Cardarelli e poi è stata trasferita all'ospedale Cotugno di Napoli per febbre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – E’ deceduto alle 6,45 di questa mattina L.P., 16enne di Marano, che era stato ricoverato in codice rosso all’ospedale Cardarelli di Napoli. Il giovane era arrivato al pronto soccorso del nosocomio partenopeo alle 4,57 ma, nonostante l’incubazione, è deceduto dopo poco meno di due ore. Gli esami infettivologici sono stati inviati all’ospedale Cotugno per sospetta sepsi da meningococco. Alle 7,17 di questa mattina, la sorella del ragazzo, C.P., di 20 anni, è arrivata al pronto soccorso del Cardarelli e poi trasferita all’ospedale Cotugno di Napoli per febbre.

Ci sono sospetti che si tratti di meningite

“Siccome l’evento è stato così violento e improvviso, non abbiamo una diagnosi certa. Ma ci sono sospetti che si tratti di meningite – ha spiegato all’agenzia Dire Franco Paradiso, direttore sanitario del Cardarelli -. Abbiamo inviato al Cotugno un campione di sangue del ragazzo defunto per avere risconti su un’eventuale meningite. La sorella, invece, è stata trasferito presso quel presidio ospedaliero. Abbiamo avviato i protocolli standard previsti per i nostri dipendenti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»