Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Boschi: “Le norme per la parità di genere non sono la priorità per gli uomini”

"Abbiamo dimostrato come alcuni pregiudizi che potevano esserci sulla fragilità delle donne in politica si possano considerare superati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA   – Garantire la presenza femminile nelle istituzioni “è un lavoro che facciamo insieme agli uomini e nessuno mi toglie dalla testa che se non ci fossero state delle donne a pungolarli quotidianamente forse non tutti le avrebbero considerate le loro priorità”. Così il ministro Maria Elena Boschi, nel corso di una conferenza stampa al Senato. “Il tema della presenza delle donne nelle istituzioni non è solo un tema fondamentale di pieno raggiungimento della democrazia ma cambia quelle che sono le scelte che vengono prese a livello legislativo. Se non avessimo avuto il 31 per cento di donne tra deputate e senatrici che hanno insistito perché alcune norme entrassero probabilmente non ci sarebbero state”, conclude.

boschi fedeli parità

“Penso che ancora oggi siano importanti queste proposte normative” sulla parità di genere nelle istituzioni. “Io mi auguro che un giorno si possano superare perché l’interesse di tutti è che siano di passaggio perché purtroppo il cammino sulla parità non è ancora completato”, prosegue Boschi. “Abbiamo dimostrato come alcuni pregiudizi che potevano esserci sulla fragilità delle donne in politica si possano considerare superati”, continua. “Abbiamo dimostrato- insiste- competenza e capacità e anche di essere altrettanto tenaci e resistenti come gli uomini. Noi non chiediamo sconti a nessuno o trattamenti di favore. Siccome sono giorni che si parla tanto di interessi in parlamento anche gli interessi delle donne sono interessi che in parlamento hanno una loro voce”, conclude.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»