Toti: “Fare Sanremo è stata una scelta positiva, bravi Amadeus e Rai”

giovanni toti
Il presidente della Regione Liguria si complimenta con il direttore artistico del Festival e tutti i collaboratori: "Non era facile salire su quel palco e incaricarsi di far sorridere l’Italia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – “Devo complimentarmi con Amadeus, Fiorello e con tutti i loro collaboratori perché fare il Festival quest’anno non era un lavoro facile: la sala vuota e la pressione di un Paese fuori che vive, proprio in queste ore, un momento ancora di inquietudine”. Così il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, questa mattina intervenendo da remoto alla quotidiana conferenza stampa del Festival di Sanremo. Dopo qualche piccolo malumore legato allo spot di promozione della Liguria andato in onda nella prima serata del Festival, torna il sereno tra la Regione e il direttore artistico della kermesse. “Non era una responsabilità facile salire su quel palco e incaricarsi di far sorridere l’Italia, di regalargli un momento di svago- prosegue il governatore, che questa sera premierà il vincitore delle ‘Nuove proposte’- per questo penso che ci sia voluta, oltre le capacità artistiche e narrative, anche una buona dose di coraggio: il coraggio credo che vada sempre premiato e gli spettatori lo stanno facendo”.

LEGGI ANCHE: Sanremo, Simona Ventura positiva al Covid: non sarà al Festival

Toti, inoltre, fa sue le parole di Gigi D’Alessio sul palco dell’Ariston, sottolineando come il Festival sia “un momento importante per il mondo dello spettacolo, un mondo gigantesco in cui ci sono tante persone che hanno fatto successo, che sono fortunate, che forse potrebbero anche permettersi di fermarsi sei mesi, ma dietro quelle persone ce ne sono tante altre che vivono del loro stipendio, della loro creatività, del loro mestiere ed è giusto che anche in questo senso sia dato un segnale di speranza: presto, tanti palcoscenici come quelli dell’Ariston torneranno ad accendersi con tutte le misure necessarie”.

Il governatore ricorda di essere sempre stato “assolutamente favorevole all’organizzazione del Festival perché credo che il Covid abbia già sufficientemente piegato la nostra civiltà: la scelta di convivere con questa malattia, di dimostrare in qualche modo di avere la forza di continuare la nostra vita, per quanto ce lo consente di fare, è stata una scelta positiva e opportuna da parte della Rai, del Comune di Sanremo e della nostra Regione”. Il governatore ringrazia, infine, “il gigantesco sforzo della nostra sanità ligure e della Asl 1 imperiese, in particolare”.

LEGGI ANCHE: Sanremo, risalgono gli ascolti: ieri 10 milioni di spettatori nella prima parte

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»