Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il Comune di Bologna dedica un piazzale all’attivista Marcella Di Folco

marcella di folco
L'area di forma ovale al centro del giardino di Villa Cassarini è stata intitolata alla prima trans che ricoprì un ruolo istituzionale, a dieci anni dalla sua scomparsa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Fu la prima trans a ricoprire un incarico istituzionale e ora, a dieci anni dalla scomparsa, Marcella Di Folco è protagonista di un’altra iniziativa all’avanguardia: le sarà intitolata un’area pubblica di Bologna, per la precisione un piazzale all’interno del giardino di Villa Cassarini. La scelta del luogo è stata approvata dalla Giunta comunale dopo l’annuncio fatto qualche mese fa dal sindaco Virginio Merola.

“L’area di forma ovale al centro del giardino di Villa Cassarini, nel quartiere Porto-Saragozza, diventerà ‘Piazzale Marcella Di Folco’ e sarà dedicata all’attivista trans e consigliera comunale scomparsa dieci anni fa (1943-2010)”, scrive Palazzo D’Accursio: “Un’intitolazione molto attesa da tutta la comunità Lgbtiq cittadina e non solo, di un luogo molto significativo, poco distante dal monumento dedicato alle vittime omosessuali del nazifascismo e a due passi dal Cassero di Porta Saragozza, che ha storicamente ospitato la prima sede assegnata dall’amministrazione comunale a un’associazione omosessuale”. Questa intitolazione “è un modo per custodire la memoria di una persona che ha fatto la differenza per la nostra città”, dichiara Merola. “Sono contento che siamo riusciti a portare a termine l’iter a pochi giorni dal suo compleanno che cade il 7 marzo. Quando sarà possibile e la situazione sanitaria lo consentirà- aggiunge il sindaco- sarà bello celebrare pubblicamente questo nuovo piazzale”.

LE ALTRE INTITOLAZIONI FORMALIZZATE DALLA GIUNTA

Quella riguardante Di Folco non è l’unica nuova intitolazione formalizzata dalla Giunta. Un’area verde tra via Salvador Allende e viale Lenin, ad esempio, diventerà “Giardino Gemma Volli e Bianca Colbi Finzi”, in memoria di “due protagoniste della Bologna ebraica del ‘900”, spiega l’amministrazione. Altri due giardini saranno dedicati nel quartiere San Donato-San Vitale “a due poeti simbolo della comunità ellenica bolognese”, continua la nota: a Giorgos Seferis (1900-1971), premio Nobel per la letteratura nel 1963, sarà intitolata l’area verde compresa tra via del Lavoro e viale della Repubblica; l’area verde lungo via Spartaco ricorderà invece il poeta Dionysios Solomos (1798-1857). Nello stesso quartiere, l’area verde lungo via Libia accanto alla Chiesa di Santa Maria del Suffragio diventerà “Giardino Benedetto XV” (1854-1922), che prima di diventare papa è stato arcivescovo di Bologna come Giacomo Della Chiesa. Infine, sarà intitolata all’architetto Giovanni Michelucci (1891-1990) la nuova rotonda tra le via Zanardi, via Bovi Campeggi e via Tanari, nel quartiere Porto-Saragozza. La Commissione consultiva per la denominazione delle vie cittadine ha proposto lo scorso dicembre i nomi da assegnare alle nuove aree e i rispettivi Consigli di quartiere hanno già espresso parere favorevole.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»