Vaccino, ottimisti i medici di Roma: “Ad aprile saremo ‘inondati’ da dosi”

vaccino_covid
"Finalmente potremo impostare una buona campagna vaccinale nel Lazio ma anche in tutta Italia", ha detto il presidente dell'Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Dobbiamo essere ottimisti e resistere ormai per poche settimane, perché le dosi di vaccino sicuramente arriveranno e finalmente potremo impostare una buona campagna vaccinale nel Lazio ma anche in tutta Italia“. Lo ha detto il presidente dell’Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, intervenendo oggi in diretta alla trasmissione ‘Genetica Oggi‘ su Radio Cusano Campus.

“Nel mese di aprile probabilmente saremo ‘inondati’ da dosi di vaccino- ha proseguito- quindi non dovremmo avere problemi neppure a somministrare la seconda dose a chi già ha ricevuto la prima“.

Alcune tipologie di vaccino, come AstraZeneca, possono avere il richiamo anche “a distanza di alcuni mesi- ha ricordato Magi- e su quelle non dovrebbero quindi esserci problemi per la seconda dose”. Intanto arriveranno anche altri vaccini, come quello della Johnson&Johnson, che hanno bisogno “soltanto di un’unica dose- ha aggiunto- è questo renderà più rapido il sistema di vaccinazione permettendo di ‘coprire’ la popolazione il prima possibile”. E Sputnik V? “Credo arrivi anche quello”, ha risposto infine Magi al giornalista che glielo chiedeva.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»