Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Donne in campo: in Veneto fiorisce l’agricoltura femminile under 40

imprese femminili agricoltura donne
Secondo i dati diffusi da Cia Veneto, nonostante la crisi generale del settore le imprese agricole giovanili sono aumentate dello 0,4% e quelle femminili giovanili dell'1,2%
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – In Veneto le imprese agricole femminili sono 14.111, il 22,8% del totale delle aziende agricole, pari a 61.844 unità. Nel corso del 2020, però, ne sono scomparse 292, il 2%. Un segnale di speranza è rappresentato dalle imprese agricole femminili giovanili, ovvero gestite da donne under 40, che tra il 2019 e il 2020 sono aumentate dell’1,2%. Tutti i numeri arrivano dalla conferenza stampa organizzata da Cia Veneto e Regione Veneto in vista dell’8 marzo. E dicono che “le aziende agricole al femminile sono le più propense alla diversificazione delle attività a integrazione del reddito, quella che in Cia chiamiamo multifunzionalità. Lo fanno attraverso le fattorie didattiche, attraverso l’accoglienza degli anziani, dei disabili e degli emarginati, delle donne in difficoltà a difendere l’agricoltura di montagna. Le donne in campo sono impegnate a costruire asili nelle aziende dove insegnare ai bambini il valore dell’agricoltura e dell’ambiente e ad offrire catering agricoli alle vicine città”, spiegano il presidente Cia Veneto Gianmichele Passarini e la presidente dell’associazione Donne in campo Veneto, Michela Brogliato, evidenziando le principali differenze tra le imprese agricole gestite da uomini e le imprese agricole femminili.

C’è quindi bisogno di misure ad hoc per il sostegno dell’imprenditoria agricola femminile, e non solo di prestiti, che poi vanno ovviamente restituiti, ma di “contributi a fondo perduto come quelli che sono stati previsti dalla Regione per l’imprenditoria femminile”, da cui però il mondo agricolo rimane escluso, segnala Brogliato rivolgendosi direttamente all’assessore regionale al Lavoro e alle Pari opportunità Elena Donazzan. “La prossima programmazione comunitaria sarà l’occasione per dare risposte”, risponde Donazzan presente alla conferenza stampa. “Nel Psr (Piano sviluppo rurale) attiveremo uno strumento di conciliazione dei tempi vita-lavoro” continua, assicurando che l’assessorato destinerà risorse al settore primario “anche al di fuori del Psr”. Ora, “continueremo a prendere, come assessorato a Istruzione e Formazione, misure dedicate alle donne e misure dedicate al primario, e dovremo quindi avere la capacità di metterle insieme”.

Tornando ai dati diffusi da Cia Veneto, le imprese agricole sono 61.844 di cui 3.166 giovanili, quelle agricole femminili sono 14.111 di cui 581 giovanili femminili. Nel 2019 le imprese agricole erano 62.688 di cui 14.403 femminili, ma quelle giovanili erano meno rispetto al 2020, ovvero 3.153 in totale di cui 574 femminili. Quindi, mentre le imprese agricole sono calate dell’1,3% e quelle agricole femminili del 2%, le imprese agricole giovanili sono aumentate dello 0,4% e quelle agricole femminili e giovanili dell’1,2%.

LEGGI ANCHE: Covid, Zaia: “Da lunedì Veneto in fascia arancione”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»