Premio Strega 2021: ecco i 62 titoli proposti

La dozzina sarà annunciata lunedì 22 marzo alle 12, mentre per la cinquina bisognerà attendere il 10 giugno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono 62 i titoli proposti dagli Amici della domenica per il Premio Strega 2021. È il più alto numero di proposte dall’edizione 2018, anno in cui il Comitato direttivo ha modificato il regolamento dando a ciascun Amico della domenica l’opportunità di segnalare singolarmente, con il consenso dell’autore, un’opera meritevole di partecipare al premio. Nelle edizioni precedenti sono giunte 41 proposte (2018), 57 (2019) e 54 (2020). Spetta ora al Comitato direttivo scegliere i dodici titoli che si disputeranno l’edizione 2021. La dozzina sarà annunciata lunedì 22 marzo alle 12, mentre per la cinquina bisognerà attendere il 10 giugno. Voto finale l’8 luglio.

Ecco i libri proposti:

  • Michele Ainis, Disordini (La nave di Teseo);
  • Giuseppe Aloe, Lettere alla moglie di Hagenbach (Rubbettino);
  • Andrea Bajani, Il libro delle case (Feltrinelli);
  • Andrea Barzini, Il Fratello minore (Solferino);
  • Edith Bruck, Il pane perduto (La nave di Teseo);
  • Patrizia Busacca, Madri gotiche (Linea Edizioni);
  • Maria Grazia Calandrone, Splendi come vita (Ponte alle Grazie);
  • Giulia Caminito, L’acqua del lago non è mai dolce (Bompiani);
  • Alessandro Carlini, Gli sciacalli (Newton Compton Editori);
  • Luigi Romolo Carrino, Non è di maggio (Arkadia);
  • Anthony Caruana, Contorni opachi (Bertoni);
  • Giovanni Catelli, Parigi, e un padre (Inschibboleth);
  • Giulio Cavalli, Nuovissimo testamento (Fandango);
  • Teresa Ciabatti, Sembrava bellezza (Mondadori);
  • Paolo Ciampi, Il maragià di Firenze (Arkadia);
  • Stefano Corbetta, La forma del silenzio (Ponte alle Grazie);
  • Benedetta Cosmi, Orgoglio e sentimento (Armando Editore);
  • Gabriele Dadati, La modella di Klimt (Baldini + Castoldi);
  • Massimo De Angelis, L’uomo con il turbante (Rubbettino);
  • Donatella Di Pietrantonio, Borgo Sud (Einaudi);
  • Paolo Di Stefano, Noi (Bompiani);
  • Alessandra Fagioli, Scacco all’isola (Robin);
  • Marco Albino Ferrari, Mia sconosciuta (Ponte alle Grazie);
  • Andrea Frediani, I lupi di Roma (Newton Compton Editori);
  • Mimmo Gangemi, Il popolo di mezzo (Piemme);
  • Alessandro Gazoia, Tredici Lune (Nottetempo);
  • Lisa Ginzburg, Cara pace (Ponte alle Grazie);
  • Anna Giurickovic Dato, Il grande me (Fazi);
  • Fabio Guarnaccia, Mentre tutto cambia (Manni);
  • Mattia Insolia, Gli affamati (Ponte alle Grazie);
  • Antonella Lattanzi, Questo giorno che incombe (HarperCollins);
  • Loredana Lipperini, La notte si avvicina (Bompiani);
  • Francesca Mannocchi, Bianco è il colore del danno (Einaudi);
  • Elena Mearini, I passi di mia madre (Morellini);
  • Chiara Mezzalama, Dopo la pioggia (E/O);
  • Roberto Michilli, La sirena dei mari freddi (Di Felice Edizioni);
  • Giulio Mozzi, Le ripetizioni (Marsilio);
  • Marilù Oliva, Biancaneve nel Novecento (Solferino);
  • Claudio Panzavolta, Al passato si torna da lontano (Rizzoli);
  • Maria Rita Parsi, Stjepan detto Jesus, il figlio (Salani);
  • Carmen Pellegrino, La felicità degli altri (La nave di Teseo);
  • Simone Perotti, I momenti buoni (Mondadori);
  • Daniele Petruccioli, La casa delle madri (TerraRossa);
  • Aurelio Picca, Il più grande criminale di Roma è stato amico mio (Bompiani);
  • Maurizio Ponticello, La vera storia di Martia Basile (Mondadori);
  • Grazia Pulvirenti, Non dipingerai i miei occhi (Jouvence);
  • Sabrina Ragucci, Il medesimo mondo (Bollati Boringhieri);
  • Alessandro Raveggi, Grande Karma (Bompiani);
  • Stefano Redaelli, Beati gli inquieti (Neo Edizioni);
  • Daniele Rielli, Odio (Mondadori);
  • Lorenza Rocco Carbone, La gioia della scrittura (Kairs Editore);
  • Massimo Roscia, Il dannato caso del signor Emme (Exòrma);
  • Alessandra Sarchi, Il dono di Antonia (Einaudi);
  • Stefano Scansani, Raffaello in guerra (Compagnia Editoriale Aliberti);
  • Isabella Schiavone, Fiori di mango (Lastarìa Edizioni);
  • Stefano Sgambati, I divoratori (Mondadori);
  • Emanuele Trevi, Due vite (Neri Pozza);
  • Alice Urciuolo, Adorazione (66thand2nd);
  • Angela Vecchione, La piazza (Robin);
  • Roberto Venturini, L’anno che a Roma fu due volte Natale (SEM);
  • Paolo Zardi, Memorie di un dittatore (Perrone);
  • Umberto Zuballi, La congiura del rompighiaccio (La Musa Talìa).

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»