VIDEO |’Violenza sulle donne. In che stato siamo?’: l’8 Marzo parte la nuova campagna D.i.Re.

Per sollecitare lo Stato italiano ad applicare pienamente la Convenzione di Istanbul sulla violenza contro le donne e la violenza domestica, in vigore ormai dal 2014cam
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Parte l’8 marzo 2020 la nuova campagna di D.i.Re ‘Violenza sulle donne. In che Stato siamo?’ Obiettivo della campagna, spiega una nota, è sollecitare lo Stato italiano ad applicare pienamente la Convenzione di Istanbul sulla violenza contro le donne e la violenza domestica, in vigore ormai dal 2014. Il Gruppo di esperte sulla violenza (Grevio) del Consiglio d’Europa, dice ancora il comunicato, ha dato al Governo indicazioni precise in tal senso. Tra il 2018 e il 2019 il Grevio ha monitorato lo stato di applicazione della Convenzione di Istanbul in Italia, segnalando nel suo Rapporto all’Italia tutti gli ostacoli ai percorsi di uscita dalla violenza di ordine culturale e pratico, comprese politiche inadeguate e insufficienti.

LEGGI ANCHE: Nel 2018 calano gli omicidi, ma non quelli delle donne

In Italia le donne in situazione di violenza affrontano ovunque – servizi, Polizia, tribunali, Commissioni territoriali – con stereotipi e pregiudizi, non trovano ascolto e credibilità, non ottengono misure di protezione efficaci, e rischiano di perdere i figli nelle cause di separazione. Il numero dei femminicidi rimane costante nel tempo. Ogni mese per un anno la campagna Violenza sulle donne. In che Stato siamo? richiamerà l’attenzione dell’opinione pubblica, dei media e delle istituzioni sulle principali raccomandazioni del Consiglio d’Europa riguardo a 12 aree tematiche diverse. D.i.Re, conclude la nota, presenterà i risultati della campagna l’8 marzo 2021.

https://www.direcontrolaviolenza.it/violenza-sulle-donne-in-che-stato-siamo/

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»