In Giappone il premier Abe vuole modifiche allo stato d’emergenza, l’opposizione frena

Edano (Cdp): "Governo badi a contenere il virus, no a compressione dei diritti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TOKYO – Si è concluso l’incontro voluto dal premier Shinzo Abe con i leader dei principali partiti di opposizione per discutere della proposta dello stesso premier di modificare la normativa vigente sulla dichiarazione dello stato di emergenza nazionale. La misura, a parere del Governo, si renderebbe necessaria per contrastare efficacemente la crisi dovuta al Coronavirus, e richiederebbe maggiori poteri di intervento, si divieto e di coercizione in capo al Governo e alle autorità locali, che allo stato attuale possono esprimere poco più che pareri vincolanti.

LEGGI ANCHE: Arriva la nuova rubrica Dire con tutte le news dal Giappone

La prima reazione è del leader del Constitutional Democratic Party (CDP, partito di centrosinistra di opposizione) Yukio Edano, per il quale “la sola responsabilità del Governo è quella contenere il virus e fare in modo che non serva adottare misure di urgenza come questa, senza bisogno di arrivare a limitare le libertà e a comprimere i diritti”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Olimpiadi di Tokyo 2020 si faranno? La decisione a fine maggio

Quindi “solamente in caso di estrema gravità– aggiunge Edano- si potrebbero adottare misure coercitive e quindi pensare di cambiare la legge, ma in ogni caso solo qualora ci fossero incontrovertibili evidenze scientifiche a richiederlo”. Al termine della riunione Abe ha dichiarato che proseguirà nei prossimi giorni la sua azione di lavoro per costruire un clima condiviso e che preparerà una prima proposta di legge da presentare la prossima settimana al Parlamento.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»