Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Vertenza Cmd di Atella in Basilicata, operai in azienda dal 1 aprile

Si tratta di un accordo verbale stretto tra l'amministratore delegato dell'azienda e l'assessore Francesco Cupparo e riguarda i 14 lavoratori licenziati da oltre un anno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Torneranno in azienda il prossimo 1 aprile i 14 lavoratori somministrati della Cmd di Atella, licenziati da oltre un anno. È quanto emerso dall’incontro che si è tenuto in Regione Basilicata tra l’assessore alle attività produttive Franco Cupparo e l’amministratore delegato della Cmd Mariano Negri, anche se al momento l’accordo è solo verbale.

“L’incontro – dichiara l’assessore Cupparo – ha avuto momenti molto critici. Le richieste di garanzie per l’assunzione dei lavoratori, formulate diligentemente dai rappresentanti sindacali, non trovavano riscontro. Per fronteggiare questo momento di stallo mi sono rivolto all‘amministratore Neri chiedendo un impegno sul piano personale per la riassunzione degli operai. Tale mia richiesta è prontamente stata accolta. Abbiamo preferito – continua Cupparo – non scrivere un verbale perché le esperienze recenti ci insegnano che troppo spesso gli impegni sottoscritti non vengono mantenuti”.

In attesa dell’esito delle procedure di conciliazione in atto le due strade percorribili per la riassunzione dei lavoratori sono l’assunzione diretta o quella come lavoratori interinali.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»