Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Pediatria, edizione del 5 marzo 2020

https://www.youtube.com/watch?v=7yaxDkp4XwQ&feature=youtu.be DIFETTI CONGENITI, SIP: ECOGRAFIA OSTETRICA FACILITA DIAGNOSI In Italia su 500mila nati in un anno circa 25mila presentano un difetto congenito.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

DIFETTI CONGENITI, SIP: ECOGRAFIA OSTETRICA FACILITA DIAGNOSI

In Italia su 500mila nati in un anno circa 25mila presentano un difetto congenito. “Oggi i progressi che ha fatto l’ecografia ostetrica consentono di poterne diagnosticare una fetta estremamente rilevante”. Entra nel dettaglio Rino Agostiniani, vicepresidente della Sip, a pochi giorni dalla celebrazione della giornata mondiale dei difetti congeniti.

CORONAVIRUS, VILLARI (SITI): Il MORBILLO È PIÙ CONTAGIOSO

“Il morbillo è una delle malattie infettive più contagiose e sicuramente è molto più contagioso del Covid-19”. Ne parla Paolo Villari, segretario SItI e presidente della commissione nazionale di verifica per l’eliminazione del morbillo e della rosolia. “Usciamo da un triennio difficile- aggiunge- in cui si è registrata una recrudescenza in Italia e in Europa”. Cambio di rotta nel 2019 perché si sono verificati meno casi, ma a cambiare è la sagoma della patologia. Il morbillo si sta configurando sempre più come malattia degli adulti, con il maggior numero di casi tra i 25 e i 30 anni perché molto spesso i bambini sono quasi sempre vaccinati.

IN PRIMI 3 ANNI VITA ALIMENTAZIONE SELETTIVA FINO A 20% BAMBINI

Tra il 14 e il 20% dei bambini da 1 a 3 anni è colpito “da neofobia o alimentazione selettiva”, il fenomeno per cui “i minori tendono a rifiutare i cibi nuovi”. Parte dalla gravidanza, l’allattamento e l’imitazione Daniela Grizzanti, biologa nutrizionista, per fornire ai genitori una fotografia dei consigli basilari e imparare a capire l’alimentazione dei propri figli, aiutandoli ad avere una dieta sana ed equilibrata.

SINDROME DOWN, ASPETTATIVA VITA OLTRE 65 ANNI

“La sindrome di Down ha un’incidenza di 1 su 1.100/1.200 nati. La percentuale di nascite e’ andata progressivamente diminuendo, grazie all’impatto della diagnosi prenatale, ma la prognosi e il potenziale di sopravvivenza sono notevolmente aumentati: l’aspettativa di vita è superiore ai 60-65 anni”. Lo dichiara alla Dire Guido Cocchi, professore associato di Pediatria dell’Università di Bologna, che fa il punto sulla ricerca.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»