Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Renzi annuncia pagina nuova; Elezioni: esulta M5S; Salvini-Meloni: No intese con M5S

Edizione del 5 marzo 2018
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

RENZI ANNUNCIA PAGINA NUOVA, MA E’ POLEMICA

Dimissioni si’, ma il congresso solo dopo l’insediamento del governo. Dopo la sconfitta elettorale Matteo Renzi annuncia alla stampa le dimissioni da segretario ma indica un lasso di tempo prima che si proceda alla sua sostituzione. Il segretario del Pd chiude all’ipotesi di formare un governo con il Movimento Cinque Stelle. “Noi saremo all’opposizione, vediamo di cosa siete capaci”, dice all’indirizzo di Luigi Di Maio e compagni. Quanto al Pd, aggiunge, il prossimo segretario “non deve essere scelto da caminetti ma dalle primarie”. Il capogruppo dei senatori dem Luigi Zanda contesta le dichiarazioni di Renzi: “Le dimissioni si danno senza prendere tempo”, dice.

ELEZIONI, ESULTA M5S: NOI VINCITORI ASSOLUTI

I Cinque stelle “vincitori assoluti” delle elezioni politiche del 4 marzo. Il giorno dopo il voto, Luigi Di Maio parla di un “trionfo” per il Movimento che si attesta al 32.6 per cento dei consensi. Il candidato premier sottolinea che la loro e’ una forza politica “che ormai rappresenta l’intera nazione”. Il Movimento si dice pronto per la prova del governo, aprendo ai contributi di chi condividera’ il programma elettorale.

SALVINI-MELONI: NO INTESE CON M5S

E’ la Lega il secondo vincitore delle elezioni. Con il 17,4 per cento il partito di Salvini si appresta a guidare il centrodestra. “Voglio mantenere l’impegno con gli italiani, anche Berlusconi lo rispettera’”, dice Matteo Salvini che respinge l’ipotesi di governi di scopo ed accordi con il Movimento 5 stelle. “Un governo con Di Maio proprio non lo vedo”, garantisce. Giorgia Meloni conferma l’appoggio al leader della Lega ed esclude intese con i 5 stelle: “Noi diremo a Mattarella che l’incarico spetta a Salvini e ci aspettiamo che Forza Italia faccia lo stesso”, ha sottolineato.

IL PAPA RICEVE CANCELLIERE AUSTRIACO KURZ

Migrazioni, pace e disarmo nucleare. Sono i temi al centro dell’incontro tra Papa Francesco e il Cancelliere austriaco Sebastian Kurz. Nel corso dell’udienza a Palazzo apostolico vaticano, la Santa sede sottolinea come si sia parlato anche della tutela della vita, della famiglia e della promozione del bene comune soprattutto nei confronti delle fasce piu’ deboli della popolazione. Il Papa ha regalato al cancelliere austriaco la medaglia con l’angelo della pace, che i giornalisti austriaci hanno interpretato come un invito all’integrazione.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»