Nel Pd è caccia a Renzi: “Lasci subito, rinvio dimissioni incomprensibile”

ROMA - "La decisione di Matteo Renzi di dimettersi e contemporaneamente rinviare la data delle dimissioni non è comprensibile. Serve
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La decisione di Matteo Renzi di dimettersi e contemporaneamente rinviare la data delle dimissioni non è comprensibile. Serve solo a prendere ancora tempo”. Così il presidente dei senatori del Pd Luigi Zanda.

Zanda continua: “Le dimissioni di un leader sono una cosa seria, o si danno o non si danno. E quando si decide di darle, si danno senza manovre. In un momento in cui al Pd servirebbe il massimo di quella collegialità che è l’esatto opposto dei cosiddetti caminetti, annunciare le dimissioni e insieme rinviarne l’operatività per continuare a gestire il partito e i passaggi istituzionali delle prossime settimane è impossibile da spiegare”.

Quando Veltroni e Bersani si sono dimessi- ricorda Zanda- lo hanno fatto e basta. Un minuto dopo non erano più segretari”.

CUPERLO A RENZI: NON SI FA COSI’, SUBITO DIREZIONE

“Abbiamo subito una sconfitta pesante e la reazione non può che misurarsi con questa realtà. Chiedo la convocazione immediata della Direzione Nazionale per valutare collegialmente quanto è accaduto”. Lo dice Gianni Cuperlo (Pd).

“Renzi ha annunciato l’intenzione di dimettersi- prosegue-, ma solo a conclusione del percorso di insediamento del Parlamento e della formazione del nuovo governo. Non è così che si fa. Di fronte alla bocciatura di una stagione e di una classe dirigente pensare che la risalita passi da un congelamento della situazione attuale fino a nuove primarie più che una linea politica sembra una coazione a ripetere, nel segno dell’errare. Bisogna cambiare molto, non solo un segretario. Bisogna ricostruire una sinistra radicata nel paese. Facciamolo prima che sia tardi”.

FINOCCHIARO: DIMISSIONI VANNO DATE, NON ANNUNCIATE

“Penso che  annunciare le dimissioni, e non darle, dopo avere subito una sconfitta di queste dimensioni sia vistosamente  in contrasto con il senso di responsabilita’ di lealta’ e di chiarezza dovuti al partito ai suoi militanti  ai suoi elettori”. Così Anna Finocchiaro commenta la conferenza stampa di Matteo Renzi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»