Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Elezioni, la Lega ringrazia Traini: “Ha incrementato il nostro consenso”

PESARO - Boom Lega nelle Marche. Il Carroccio si conferma prima forza della coalizione di centrodestra ottenendo il 17,6% dei
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PESARO – Boom Lega nelle Marche. Il Carroccio si conferma prima forza della coalizione di centrodestra ottenendo il 17,6% dei consensi al Senato mentre alla Camera arriva al 18,29% al sud e al 16,23% al nord.

“A Macerata abbiamo toccato punte del 21%- premette il neoeletto deputato Luca Rodolfo Paolini, già segretario regionale del partito-. Il ‘caso Traini’ ha incrementato il consenso della Lega. Traini è uno fuori di testa, un criminale, ma la situazione a Macerata era talmente esasperata che il popolo in qualche modo ha giustificato questo episodio: un fatto preoccupante a mio modo di vedere ma che denota come l’immigrazione incontrollata generi forti tensioni”.

La Lega elegge quattro marchigiani in Parlamento. Ma Paolini guarda già oltre. “Ora si aprono le porte per le regionali 2020- dice Paolini-. Renzi ha distrutto gli eredi del Pci riuscendo a fare quello che non riuscì né alla Dc né a Mussolini. Nelle Marche poi ha pesato la gestione terremoto e l’affaire Banca Marche. Il prossimo anno ci sono le comunali. A Pesaro cercheremo di fare il miglior risultato possibile mentre Fano è già contendibile. E soprattutto lo è Regione Marche nel 2020. Un centrodestra unito con un candidato forte può farcela”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»