Elezioni, Janning (Ecfr): “Ciao ciao Italia, e l’Ue è più debole”

A parlare con l'agenzia DIRE e' Josef Janning, ricercatore capo dello European Council on Foreign Relations (Ecfr) a Berlino
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’Italia si risveglia piu’ vicina a Budapest e a Visegrad che a Bruxelles; e pensare che con la Brexit doveva diventare un Paese chiave per l’Unione Europea”: a parlare con l’agenzia DIRE e’ Josef Janning, ricercatore capo dello European Council on Foreign Relations (Ecfr) a Berlino.

Il punto di partenza del colloquio e’ l’affermazione di “forze anti-sistema”, capaci di trarre vantaggio dalla “frustrazione profonda” degli elettori

“Le destre euroscettiche festeggiano, e a ragione, perche’ i loro amici della Lega Nord e del Movimento Cinque Stelle hanno conquistato la maggioranza assoluta dei seggi” sottolinea Janning. Convinto che tra i partiti nazionalisti le differenze ci siano ma che sia forte anche il collante che li tiene insieme: “La richiesta di restituire agli Stati la sovranita’ che gli e’ stata tolta”.

Oggi l’Unione e’ piu’ debole di ieri

Secondo l’esperto, specialista del processo comunitario di integrazione e allargamento, dall’esecutivo di Prawo i Sprawiedliwosc (Pis) in Polonia a quello di Fidesz in Ungheria e dai deputati tedeschi di Alternative fur Deutschland (Afd) ai seguaci del Front National (Fn) in Francia, “il mantra e’ che l’Ue e’ il male”. E oggi l’Unione e’ piu’ debole di ieri, sottolinea Janning: “L’Italia e’ stata storicamente uno dei Paesi piu’ favorevoli all’integrazione europea e dopo il referendum per Brexit in tanti avevano sperato che potesse emergere come terza forza continentale”.

Il voto ha rovesciato le prospettive

“Quanto piu’ a Roma le trattative saranno lunghe e complesse tanto piu’ il nuovo esecutivo sara’ debole di fronte a Bruxelles” premette Janning. Che rispetto agli orientamenti di fondo, pero’, ritiene la direzione gia’ indicata. “Difficile si possa creare un confronto costruttivo con il presidente francese Emmanuel Macron” spiega l’esperto: “Piu’ in generale, con M5S e Lega cosi’ forti, il governo italiano non potra’ che essere ancora piu’ euroscettico di quanto non sia stato al tempo del primo Berlusconi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»