Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bologna, il Comune ‘vende’ ai privati la CO2 risparmiata

Il Comune, grazie ai progetti legati alla mobilità ciclabile, mette sul piatto 18.065 crediti da dieci euro l'uno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

murales_inquinamento_tunisia

BOLOGNA – Il Comune di Bologna prova a tuffarsi nel mercato dei “carbon credit”, pensati per tradurre in vantaggi economici la capacità di ridurre le emissioni di Co2 in atmosfera attraverso scambi con soggetti privati che invece ne producono troppe e possono così “neutralizzare” le quote in eccesso. La Giunta di Palazzo D’Accursio ha approvato lo schema d’accordo con cui di volta in volta siglare la transazione. Il Comune, grazie ai progetti legati alla mobilità ciclabile, mette sul piatto 18.065 crediti da dieci euro l’uno. Nella delibera della Giunta viene spiegato che il Comune, nel periodo 2010-2013, ha partecipato in qualità di partner al progetto del programma “Local authorities improving Kyoto actions” (Laika), cofinanziato dalla Commissione europea, che ha prodotto gli strumenti per misurare i crediti di carbonio generati da politiche della pubblica amministrazione. Sempre nell’ambito di Laika, questi crediti sono stati inoltre oggetto di un’attività sperimentale rivolta all’attivazione di “scambi con i privati al fine delle compensazioni di emissioni di Co2”. Successivamente è entrato in campo il progetto “Bologna carbon market (Bocam), a cui ha partecipato l’Urban center, nell’ambito del quale sono stati aggiornati i dati relativi alla mobilità ciclabile, in particolare la scheda della rete locale di piste ciclabili del Comune di Bologna, rilevati nel periodo dal 2009 al 2014 e sono stati quantificati i 18.065 i crediti di Co2, dal valore unitario di dieci euro.

A questo punto, Palazzo D’Accursio intende “testare la possibilità di attivazione di un mercato reale in cui le pubbliche amministrazioni possano proporre i crediti di carbonio”, che le aziende private “possono acquistare per neutralizzare le emissioni di Co2”. Nello schema d’accordo, a questo proposito, il Comune si impegna ad utilizzare gli eventuali introiti “in maniera prioritaria per l’implementazione di azioni ambientali sul proprio territorio”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»