hamburger menu

Di Battista: “Sempre più ragioni per dire no a Draghi”

"Cosa c'è di politico nel governare con Pd, LeU, Forza Italia, Più Europa, Centro Democratico e, probabilmente, Lega Nord?", si chiede, nella notte

Pubblicato:05-02-2021 09:04
Ultimo aggiornamento:05-02-2021 09:15
Canale: Politica
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – “Ogni ora che passa, per quanto mi riguarda, si aggiungono ragioni su ragioni per dire ‘no’ a Draghi”. Alessandro di Battista lo scrive in un post su Facebook pubblicato nella notte, alle 2.30 circa. “Governo politico è una parola che non ha alcun senso in questo scenario. Cosa c’è di politico nel governare con Pd, LeU, Forza Italia, Più Europa, Centro Democratico e, probabilmente, Lega Nord? Ci sarà qualche ‘politico’ dentro- scrive Di Battista- Un numero, tra l’altro, decisamente inferiore a quel che si immaginano molti sostenitori del sì a Draghi. Ma di politico non vi sarà nulla”. 

LEGGI ANCHE: Meloni: “No alla fiducia a Draghi. Salvini? Qualcosa mi sfugge”

Draghi, “nei primi mesi di luna di miele concessa da una pubblica opinione stremata da un anno di pandemia, si dedichera’ al piano vaccinale e a mettere nero su bianco un Recovery gradito ai potentati che lo incensano. Nulla più Poi, senza colpo ferire, si fara’ eleggere Presidente della Repubblica. D’altro canto non avrebbe mai accettato senza questa garanzia”, scrive ancora Di Battista. “A quel punto ci si renderà conto che il ‘governo dei migliori’ come già viene definito, era solo l’inizio della restaurazione. Un film già visto- scrive Di Battista- Opporsi a questo scenario è l’unica scelta, propriamente politica, che si possa fare”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2021-02-05T09:15:26+01:00