Calenda: “Pd senza identità, con il M5s diventa populista. E questo governo rafforza la destra”

Calenda contro il Pd anche in vista delle regionali: "Candidare Emiliano in Puglia significa perdere e lo considero una sciagura"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il Pd ha una cultura politica totalmente liquida. Sono passati da essere comunisti a liberal democratici senza mai essere stati socialdemocratici. Hanno una capacità di cambiare enorme. L’unico senso di questo governo è quello di mettersi insieme al M5s ma facendo diventare il Pd un partito populista. Il Pd non riesce ad avere una sua identità“. Lo dice Carlo Calenda, leader di Azione, a Sky Tg24.

Questo galleggiamento del governo sta portando al rafforzamento della destra“, continua Calenda. Oggi “il centrodestra è sopra il 50 per cento. Non è stato un buon affare questo governo”. Forse, aggiunge, “il governo dovrebbe farla questa verifica, ma non una verifica generica, ma sui temi reali”.

CALENDA: EMILIANO UNA SCIAGURA, BELLANOVA? OTTIMA CANDIDATA

Candidare Emiliano in Puglia significa perdere- prosegue il leader di Azione- e lo considero una sciagura al pari del centrodestra. Non vogliamo imporre al Pd una candidatura”, ne indichi “una sua. Abbiamo detto Dario Stefano, candidate lui e vi appoggiamo”, ma sceglierne uno “pessimo per battere la destra è un ragionamento che non possiamo accettare”.

LEGGI ANCHE: Renzi: “Sulla prescrizione difendiamo la legge Orlando, non quella firmata con Salvini”

Bellanova? Sarebbe un’ottima candidata ma ce ne sono anche altri- aggiunge Calenda- io sono pronto a fare la campagna elettorale in prima persona. Con Emiliano ho vissuto cose incredibili”, prosegue Calenda che parla di “populismo che va combattuto come il sovranismo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

5 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»