VIDEO | L’aviere capo Melissa: “Ruolo donna nelle missioni all’estero fondamentale”

Melissa Ricucci voleva entrare nell'Aeronautica fin da bambina. Ora è aviere capo ed è in missione in Kosovo: nell'intervista racconta il ruolo delle donne nelle operazioni militare all'estero
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PEC (Kosovo) – L’aviere capo dell’Aeronautica militare, Melissa Ricucci, questa passione di diventare militare l’ha sempre avuta, fin da bambina: “Vivevo molto vicino a una base militare che è il 32esimo stormo di Amendola. Vedevo le esercitazioni e mi ha sempre emozionata questa dimensione dell’aria”. Oggi intervistata dall’agenzia Dire, dalla base ‘Villaggio Italia’ di Pec, in Kosovo, ha spiegato il suo lavoro nella missione KFOR dove è operativa: “Lavoro al quartier generale di KFOR, sono inserita nella branca sicurezza. Nelle missioni all’estero- ha puntualizzato commentando l’apporto femminile nelle attività fuori dai confini nazionali- il ruolo della donna è stato fondamentale, soprattutto con donne e bambini quando bisogna entrare in altre culture e altri tipi di relazioni”.

LEGGI ANCHE: FOTO | Al via reportage DireDonne dalla missione Kfor in Kosovo

Una specificità di genere in cui l’aviere capo si riconosce a pieno. E poi un accenno alla vita personale, a quei “Cuori in decollo” , come recita il titolo del libro scritto dal maggiore Debora Corbi, prima donna ad entrare nell’Aeronautica militare, e dal colonnello Alessandro Cornacchini, che ha riportato storie di amore nate indossando la stessa uniforme azzurra. “Anche io ho trovato l’amore nella stessa forza armata da quattro anni e il prossimo- dice Melissa con un sorriso- ci sposiamo. Avere un conforto da qualcuno che è della tua stessa forza armata- ammette- fa pesare meno la distanza”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»