Sangalli Vetro. Barone (M5S): “Exit-Tax per chi licenzia”

BARI - “Un ulteriore sfregio ad un territorio già provato dalla
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

sangalli vetro-3BARI – “Un ulteriore sfregio ad un territorio già provato dalla assenza di investimenti o peggio dalla chiusura delle sue più importanti attività produttive”. Così la consigliera regionale M5S Rosa Barone interviene sul fallimento della Sangalli Vetro Manfredonia.

“Ciò dimostra – prosegue – solo l’inadeguatezza di quei famosi Contratti d’area che crearono occupazione e sviluppo negli anni addietro attraverso l’industrializzazione agevolata, ma che dall’altra hanno permesso a questi imprenditori di abbandonare imprese e forza lavoro ad un tragico destino, non appena terminati gli incentivi. Sarebbe opportuno, come ribadito anche dal vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio in occasione della sua visita nel novembre 2015, far pagare a questi stessi imprenditori settentrionali delle exit-taxes, attraverso le quali obbligarli a restituire i soldi con i quali gli è stato permesso di investire nel nostro territorio”.

“La mia vicinanza e solidarietà- conclude Barone- va ai lavoratori e alle loro famiglie che con tenacia e dignità hanno difeso il loro posto di lavoro, la ‘loro’ azienda e le professionalità acquisite, una comunità solidale dalla quale certamente prendere esempio. La Regione dovrà impegnarsi seriamente per trovare degli acquirenti, prima che sia tutto perduto”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»