Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Guido Rasi: “Omicron sfugge ai tamponi rapidi, 1 su 2 è un falso negativo”

tampone coronavirus
Il consulente di Figliuolo e direttore di Consulcesi: "Necessario alzare la guardia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Con la variante omicron destinata a diventare predominante, i tamponi antigenici rapidi rischiano di diventare inutili. La nuova versione del virus Sars-CoV-2 sembra in grado di sfuggire con maggior frequenza ai test diagnostici oggi più utilizzati”. A spiegarlo è Guido Rasi, consulente del commissario per l’emergenza Covid, Francesco Paolo Figliuolo, e direttore scientifico di Consulcesi.

“Ora più che mai- prosegue Rasi- è fondamentale che gli operatori sanitari continuino a tenersi aggiornati sull’evoluzione del virus e delle nostre conoscenze sia in campo diagnostico che terapeutico”. A sottolineare che i tamponi antigenici rapidi sono poco sensibili e quindi poco attendibili nel rilevare la positività alla variante omicron è stata anche la Food and drug administration (Fda). “Dati preliminari- fa sapere Rasi- indicano che circa il 40% delle persone positive alla variante omicron può risultare negativo ai test rapidi, quasi 1 su 2“.

La ‘perdita’ di affidabilità dei test antigenici rapidi, dunque, potrebbe rendere tutto questo più complicato e difficile. “Spero siano presto disponibili test rapidi aggiornati ed attendibili per la omicron, ma nel frattempo è necessario alzare la guardia– aggiunge infine Rasi- In questo contesto, il ruolo degli operatori sanitari sarà ancora più centrale nella valutazione dei pazienti”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»