Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mafia, 38 anni fa l’omicidio del giornalista Pippo Fava

Fu il capomafia Nitto Santapaola insieme con Aldo Ercolano a ordinare di mettere a tacere il fondatore de 'I Siciliani'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – La sera del 5 gennaio 1984, 38 anni fa, la mafia uccideva a Catania il giornalista Pippo Fava, fondatore del mensile ‘I Siciliani’. L’agguato scattò nei pressi del teatro Stabile, dopo che Fava aveva lasciato la redazione del giornale attraverso il quale denunciava le collusioni tra mafia, politica e imprenditoria nel capoluogo etneo.

Il Consiglio regionale dell’Assostampa siciliana ha ricordato ieri sera Fava: “Ci sono voluti dieci anni anni per accertare che fu la mafia a uccidere il giornalista che era rimasto cronista attento – scrive la segreteria regionale di Assostampa Sicilia -. A lungo si cercò di far credere che si trattava di un delitto passionale, come è accaduto anche per coprire altri omicidi di matrice mafiosa. Alla fine i processi hanno accertato che fu il capomafia Nitto Santapaola insieme con Aldo Ercolano a ordinare di mettere a tacere Pippo Fava. Lo ha confermato definitivamente la Cassazione nel 2003″.

La storia di Pippo Fava e la ricostruzione del lungo iter processuale per accertare le responsabilità della sua morte si possono leggere sul sito di Ossigeno ‘Cercavano la verità’ (giornalistiuccisi.it), dedicato ai trenta giornalisti uccisi da mafie e terrorismo. Per il preoccupante numero di contagi da Covid-19 a Catania, la Fondazione Giuseppe Fava ha deciso di rinviare a data da definire la consegna del Premio Giornalistico Nazionale 2022, quest’anno assegnato a Paolo Biondani. Annullato anche il presidio sotto la lapide del giornalista. 

IL SINDACO PALERMO RICORDA PIPPO FAVA: “ESEMPIO DI GIORNALISMO LIBERO”

 “Pippo Fava, nel silenzio assordante e connivente delle istituzioni e della società civile, in un tempo nel quale si negava l’esistenza della mafia, ha denunciato gli intrecci tra Cosa nostra, politica, affari, imprenditoria e massoneria. Le sue inchieste e il suo concetto etico del giornalismo, libero da ogni forma di ingerenza o condizionamento, rappresentano un grande esempio per i giovani e i professionisti dell’informazione”. Lo dice in una nota il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, a 38 anni dall’omicidio del giornalista a Catania. “Fava cercava con senso del dovere la verità in un momento storico nel quale questa doveva essere taciuta a tutti i costi – aggiunge Orlando -. A distanza di trentotto anni dal suo omicidio resta vivido il ricordo di un intellettuale delegittimato durante la sua carriera che ha portato avanti con coraggio i valori della libertà d’espressione e della lotta all’illegalità”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»