Governo, Bellanova: “Ieri sera in Cdm imbarazzante teatrino tra Pd e M5s”

Bellanova racconta "un consiglio dei ministri che e' iniziato alle 21 ed e' finito quasi all'una di notte per discutere se aprire le scuole il 7 o l'11 gennaio"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Italia Viva e’ sempre rappresentato come il partito che crea problemi al governo ma ieri sera e’ andato in onda un teatrino imbarazzante non con Iv ma tra il Pd e il M5S“. Lo ha detto il ministro dell’Agricoltura, Teresa Bellanova, in un’intervista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei.

“Una discussione infinita – ha proseguito Bellanova – e un consiglio dei ministri che e’ iniziato alle 21 ed e’ finito quasi all’una di notte per discutere se aprire le scuole il 7 o l’11 gennaio. Il problema pero’ e’ molto piu’ serio: cioe’ se in questi mesi si e’ lavorato per permettere alla scuola di aprire in sicurezza”.

“La nostra valigia e’ pronta – ha ribadito la Bellanova a InBlu Radio – ma il problema vero e’ che risposte si danno a questo Paese. Credo sia da irresponsabili non farsi carico delle emergenze che l’Italia deve affrontare. Noi aspettiamo risposte. Capisco i tanti retroscena che si fanno e nella stragrande maggioranza senza fondamento ma noi siamo in attese di risposte rispetto a questioni concrete che abbiamo posto come ad esempio come devono essere gestite e a che cosa devono essere finalizzate le risorse del Recovery Fund. Il punto e’ come spendere questi 209 miliardi. Se si continua con la logica dei bonus non risolvono i problemi”.

“Spero che tutti – ha concluso Bellanova a InBlu Radio – mettano da parte le loro ambizioni personali, le arroganze e presunzioni. C’e’ bisogno di capire che i problemi non si risolvono con comparsate televisive, dirette Facebook, annunci alla Nazione di notte e di giorno. I problemi si risolvono non perche’ diciamo ‘siamo i secondi in Europa sui vaccini’. Avere disponibili 470 mila vaccini e averne fatti soli 150 mila e’ un problema. Il vaccino e’ arrivato e noi non siamo in grado di somministrarlo adeguatamente perche’ in questo momento non c’e’ ancora un piano vaccinale reale e manca l’elenco dei centri vaccinali. Bisogna vaccinare h24 se vogliamo contrastare la diffusione del covid”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»