Lutto nel Pd, morta l’ex senatrice Emilia De Biasi: aveva 62 anni

"Ci mancherà il suo impegno civile, la sua passione politica, il suo attaccamento ai nostri valori", scrive il deputato dem Fiano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E’ mancata nella notte Emilia De Biasi, 62 anni, parlamentare per tre legislature, dirigente del Pd, volto storico dei Dem lombardi, responsabile tematica Salute e nuovo welfare nella segreteria regionale del partito, Milano, animatrice della Conferenza delle Donne Democratiche.

“Ci manchera’ Emilia De Biasi, mancata questa notte cosi’ giovane, ci manchera’ il suo impegno civile, la sua passione politica, il suo attaccamento ai nostri valori. Siamo stati insieme consiglieri comunali e poi deputati, poi lei stimatissima presidente della commissione Sanita’ del Senato. Ti sia lieve la terra dove riposerai Emilia, non e’ giusto che te ne sia andata cosi’ giovane, un abbraccio a tutti i tuoi cari”, scrive su Facebook il deputato Emanuele Fiano, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera.

ZINGARETTI: PUNTO DI RIFERIMENTO PER LA SINISTRA

“Ricordo a nome di tutta la nostra comunita’ di democratici e democratiche, con affetto e tristezza Emilia De Biasi, che ci ha lasciato troppo presto. Per la storia della sinistra milanese e nazionale Emilia e’ stata un punto di riferimento solido nelle sue battaglie in difesa delle donne, della parita’ di genere, di promozione della cultura e del diritto alla salute. Ai suoi cari, alla comunita’ del Pd, in particolare milanese e lombarda, un grande abbraccio”. Cosi’ il segretario del Pd Nicola Zingaretti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»