Sangue su Tripoli, oltre 70 morti per un bombardamento. Haftar chiama il popolo al jihad

Bombardata l'accademia militare di Tripoli, ma è giallo sulla rivendicazione dell'attacco
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sarebbero oltre 70 i morti per un bombardamento che, ieri sera, ha colpito l’Accademia militare di Tripoli. Ma è giallo sulla dinamica dell’attacco: secondo quanto diffuso dalla stampa locale, infatti, il bombardamento è stato inizialmente rivendicato da Khaled Al-Mahjoob, portavoce del generale Khalifa Haftar. In mattinata, però, la smentita dello stesso Al-Mahjoob che ha bollato come “fake news” le notizie comparse sui media e un tentativo di dividere la “nazione libica”.

Poche ore prima dell’attacco, era stato lo stesso generale Khalifa Haftar a fare appello all’unità dei libici, invocando la Jihad contro l’intervento turco in sostegno del governo di Tripoli di Al-Serraj. Erdogan, ha detto Haftar, “è un avventuriero dissennato che manda” le sue truppe “alla morte” e attizza il fuoco della discordia tra i musulmani e i popoli della regione “per soddisfare i suoi capricci”.

Nei giorni scorsi, infatti, il parlamento di Ankara aveva approvato la richiesta di Erdogan di inviare 1.600 soldati per contrastare l’offensiva del generale Haftar su Tripoli.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

5 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»