Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’appello di De Luca ai cittadini: “Serve rigore oltre le zone rosse, verdi o a pois”

vincenzo de luca
"Ci sono regioni che dovrebbero uscire dal rosso avendo quattro o cinque volte più ricoveri in terapia intensiva della Campania"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI –  “Il governo ha commesso in alcuni casi errori clamorosi. La divisione in zone, per quanto mi riguarda, lasciamola perdere, bisogna andare avanti al di là delle zone”. Lo ha detto il governatore della Campania Vincenzo De Luca che, in una diretta Facebook, ha lanciato un appello ai cittadini “ad essere rigorosi, al di là della zona rossa, gialla, verde o a pois. Ognuno sia responsabile verso sé stesso, la propria comunità, i propri figli e i proprio nonni”. “Ci sono zone – ha aggiunto – che dovrebbero uscire dal rosso avendo quattro o cinque volte più ricoveri in terapia intensiva della Campania. A noi va bene la linea del rigore, ma non va bene la speculazione politica sulle zone”.

LEGGI ANCHE: Covid, De Luca: “Campania una delle poche regioni a dare dati veri”

De Luca ha ricordato che la Campania “ha il tasso di mortalità più basso, una situazione di ottime tenuta rispetto ai ricoveri, un’occupazione di terapie intensive del 26 o 27% e una percentuale di positivi sui tamponi che si assesta sul 9%. Quello che stiamo ottenendo – ha sottolineato – è frutto del lavoro che abbiamo fatto noi per salvare la Campania, delle decisioni che la Regione ha anticipato, e non delle misure del governo”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»