Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Reddito di cittadinanza, Catalfo: “Non si tocca, è misura giusta e rivoluzionaria”

"Ha permesso a oltre 3 milioni di persone di uscire da una condizione di povertà", dice la ministra del lavoro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “In questi giorni sto leggendo alcune strumentalizzazioni e attacchi contro il Reddito di Cittadinanza. Qualcuno vorrebbe addirittura cancellarlo. Voglio essere molto chiara: come ha detto anche Luigi Di Maio, il Reddito di Cittadinanza non si tocca. Parliamo di una misura che ha permesso a oltre 3 milioni di persone di uscire da una condizione di povertà e di esclusione sociale, e di recuperare la propria dignità”. Lo scrive su facebook al ministra del Lavoro Nunzia Catalfo.

“Parliamo- aggiunge la ministra- di una misura che sta aiutando 1,3 milioni di nuclei e centinaia di migliaia di minori e anziani che altrimenti sarebbero abbandonati. Parliamo di una misura che ha contribuito e sta contribuendo a garantire alle famiglie più in difficoltà un riparo sicuro dalla crisi economica causata dal Covid-19. Parliamo, cioè, di una misura giusta e rivoluzionaria. E come tutte le rivoluzioni, richiede tempo per essere portata a termine. Pensate che altri importanti Paesi europei, come la Germania, hanno impiegato diversi anni per realizzarla nella sua interezza”.

Insomma, il Reddito di Cittadinanza “deve essere completato e stiamo lavorando intensamente per farlo. Occorre ultimare la struttura di reinclusione lavorativa e sociale dei beneficiari. È importante lavorare sul rafforzamento del sistema dei servizi territoriali affinché il disegno del Rdc raggiunga pienamente gli obiettivi fissati anche in vista delle sfide che attendono l’Italia nel post-pandemia”.

Per Catalfo infine “strategico sarà il ruolo del piano nazionale straordinario di politiche attive del lavoro e formazione che sto definendo insieme alle Regioni e confrontandomi anche con le parti sociali, e che coinvolgerà tutti i lavoratori e i disoccupati, con una particolare attenzione a giovani e donne. Questo significa tutt’altro che abolirlo. Significa rafforzarlo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»