Tg Politico, edizione del 4 dicembre 2019

A cura della redazione politica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PRESCRIZIONE, E’ MURO CONTRO MURO

E’ caos nel governo sulla riforma della prescrizione. I cinquestelle sostengono la legge firmata da Bonafede, che entrerà in vigore il 1° gennaio. La norma prevede l’interruzione dei termini di prescrizione dopo la sentenza di primo grado. Il Pd non ci sta, chiede il rinvio della riforma e un termine di durata massima per i processi. Da Londra il premier Conte assicura che il governo sta lavorando a una “soluzione tecnica” che garantisca la “ragionevole durata dei processi”. Intanto l’Unione camere penali ha iniziato una maratona oratoria contro la riforma Bonafede. Da oggi e fino al 7 dicembre gli avvocati protesteranno contro una legge “incivile”.

VISCO PROMUOVE IL MES, CONTE ORA FRENA

La riforma del fondo Salva Stati è ai passaggi finali, ma l’Italia resta vincolata a una logica di pacchetto e procederà in maniera lineare con il Parlamento. Il premier Giuseppe Conte risponde così al numero uno dell’Eurogruppo, il portoghese Mario Centeno che ha escluso modifiche alla riforma del Trattato. “Difenderemo i nostri interessi”, ha detto Conte. Intanto, il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, esprime un giudizio positivo sul Mes perché non prevede automatismi sulla ristrutturazione del debito.

IOTTI, MONTECITORIO E RAI LA RICORDANO A 20 ANNI DA SCOMPARSA

Camera dei Deputati e Rai ricordano Nilde Iotti a vent’anni dalla sua scomparsa. Eletta giovanissima in Parlamento, componente della Costituente, prima donna nella storia repubblicana presidente della Camera, Iotti viene ricordata da Roberto Fico come “figura esemplare e fonte di ispirazione” per i politici di oggi. Domani sera la Rai trasmettera’ in prima serata su Rai 1 la docufiction ‘Storia di Nilde’. Una ricostruzione sulla carriera politica e istituzionale ma anche sulla vita privata, a partire dalla lunga relazione con il segretario PCI Palmiro Togliatti.

NO ALLA SUGAR TAX, LA PROTESTA DELLE BOLLICINE

Cinquemila posti a rischio per la doppia tassa sulle bibite e sulla plastica nella legge di bilancio. Lavoratori e manager di Assobibe protestano a Montecitorio contro la manovra. “Siamo quelli che dissetano il Paese ma ora ci lasciano all’asciutto”, dicono i manifestanti. Intanto al Senato Forza Italia presenta gli emendamenti per correggere la manovra: “Il governo e’ nemico del paese, noi faremo le barricate”, promette la capogruppo a Palazzo Madama Annamaria Bernini.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»