Novembre 2019 più caldo di sempre, i dati del programma Copernicus

La maggior parte delle aree terrestri ha visto temperature al di sopra della media, alla pari con il 2015 e il 2016
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il novembre 2019 è alla pari con il 2015 e il 2016 come novembre più caldo mai registrato. Lo segnala il Copernicus climate change service (C3S), il servizio relativo ai cambiamenti climatici di Copernicus, il programma di osservazione della Terra dell’Unione europea.

LEGGI ANCHE: Quanta pioggia è caduta a novembre?

“Novembre 2019 è stato uno dei tre novembre più caldi mai registrati, differendo solo marginalmente da novembre 2015 e 2016”, segnalano da Copernicus, “la maggior parte delle aree terrestri ha visto temperature al di sopra della media, ad eccezione di gran parte degli Stati Uniti orientali e del Canada, e una regione dell’Asia centrale che si estende dalla Siberia alla costa iraniana”. L’Europa ha visto “una temperatura autunnale (settembre-novembre) di 1,1 gradi sopra la media del 1981-2010, un valore che almeno dal 1979 è stato superato solo nel 2006, 2015 e 2018”.

Il Copernicus Climate Change Service (C3S) pubblica regolarmente bollettini mensili sul clima che riportano i cambiamenti osservati nella temperatura dell’aria superficiale globale e in altre variabili climatiche. Tutti i risultati si basano su analisi generate al computer utilizzando miliardi di misurazioni da satelliti, navi, aeromobili e stazioni meteorologiche in tutto il mondo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»