Pari opportunità e informazione, la strada è ancora lunga

Sondaggio Tecné per l'agenzia Dire sulla presenza e sul ruolo delle donne nell'informazione: i risultati presentati a Roma giovedì 5 dicembre alle 10.30 al Senato della Repubblica, in sala Zuccari
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – ‘Nel mondo del lavoro ci sono discriminazioni di genere?’; ‘Le donne sono sufficientemente presenti in tv?’; ‘Nei dibattiti televisivi le donne hanno lo stesso spazio degli uomini?’: queste e molte altre le domande al centro del sondaggio Tecnè per l’agenzia Dire sulla presenza e sul ruolo delle donne nell’informazione i cui risultati vengono presentati a Roma giovedì 5 dicembre alle 10.30 al Senato della Repubblica, in sala Zuccari.

Buone notizie Più voce alle donne‘ è il titolo dell’appuntamento in cui si parla di pari opportunità e valorizzazione delle intelligenze femminili nei media, promosso su iniziativa della vicepresidente del Senato Anna Rossomando e dell’onorevole Sandra Zampa, ideatrice di DireDonne, canale tematico dell’Agenzia di stampa Dire che compie un anno di vita. Dopo il saluto del sottosegretario all’Editoria, Andrea Martella, a commentare i risultati del sondaggio saranno Laura Cannavò, NewsMediaset; Marina Cosi, GIULIA; Gianni Riotta, La Stampa; Simona Sala, Tg1 Rai e Ilaria Sotis, Gr-Radio1 Rai e il direttore dell’agenzia Dire, Nico Perrone, che anticipera’ le principali iniziative del prossimo anno

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»