Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Regeni, la Procura di Roma iscrive cinque 007 egiziani nel registro indagati

Si tratta di ufficiali del dipartimento Sicurezza nazionale e dell'ufficio dell'investigazione giudiziaria del Cairo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono cinque le persone iscritte nel registro degli indagati dalla Procura di Roma per la scomparsa e la morte di Giulio Regeni, avvenuta tra la fine di gennaio e i primi di febbraio del 2016. In particolare, si tratta di ufficiali del dipartimento Sicurezza nazionale (servizi segreti civili) e dell’ufficio dell’investigazione giudiziaria del Cairo (polizia investigativa).

Il procuratore capo Giuseppe Pignatone e il sostituto Sergio Colaiocco contestano nei loro confronti il reato di concorso in sequestro di persona. Il ruolo degli indagati era stato ricostruito nell’attività di indagine di Ros e Sco.

Dalle indagini svolte dagli uomini del Ros e dello Sco era emerso il ruolo svolto dai vertici e dai funzionari dei servizi segreti egiziani nel sequestro del giovane ricercatore italiano, Giulio Regeni (il cui corpo era stato ritrovato senza vita sulla strada tra Il Cairo e Alessandria d’Egitto il 3 febbraio 2016) e in particolare del generale Sabir Tareq, dei colonnelli Usham Helmy e Ather Kamal, del maggiore Magdi Sharif e dell’agente Mhamoud Najem.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»