Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione del 4 novembre 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIGLIUOLO: SUBITO TERZE DOSI CONTRO ‘PANDEMIA NON VACCINATI’ 

Accelerare ‘senza indugio’ la somministrazione delle terze dosi per contrastare ‘la pandemia dei non vaccinati’ e far completare il ciclo primario a chi ancora non avesse provveduto. Con una circolare inviata alle regioni, il commissario straordinario all’emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo indica la strada da percorrere nelle prossime settimane contro la pandemia. Le motivazioni sono da ricercare nell’aumento della curva epidemica registrata in ottobre e nell’arrivo della stagione delle malattie respiratorie. Non solo: Figliuolo chiede alle regioni di organizzarsi per tempo per un probabile allargamento verso Natale dell’offerta vaccinale alla platea 5-11 anni. Nel frattempo, segnala il monitoraggio della Fondazione Gimbe, negli ultimi sette giorni sono aumentati i ricoveri e le terapie intenstive mentre sono calati quasi del 40% i nuovi vaccinati.

DDL CONCORRENZA, DALLE CONCESSIONI ALLA TELEFONIA

Risarcimenti diretti obbligatori anche per le compagnie assicurative straniere. Stop ai servizi di telefonia premium senza consenso esplicito degli utenti. Gare per l’installazione delle colonnine di ricarica. E poi un elenco di attività che non avranno più bisogno di autorizzazioni per partire. Sono le novità contenute nel ddl Concorrenza messo a punto dal governo. Una serie di misure che però non comprendono quelle relative alle concessioni balneari e agli ambulanti. Su queste, infatti, il governo non è riuscito a trovare una sintesi. Niente liberalizzazioni, quindi, ma solo una mappatura in vista di una futura riforma. Saltata anche la norma che avrebbe consentito ai notai una maggiore mobilità, permettendo loro di operare su tutto il territorio nazionale.

SALVINI CONTRO GIORGETTI, RESA DEI CONTI NELLA LEGA

Tensione alta nella Lega, dove lo scontro tra Matteo Salvini e Giancarlo Giorgetti è ormai alla luce del sole. Da una parte il ministro dello Sviluppo economico, che sogna Draghi al Quirinale e una Lega più europeista. Dall’altra il segretario, che accelera la formazione di un nuovo eurogruppo con i premier sovranisti di Polonia e Ungheria. Salvini, intanto, promette una “grande assemblea programmatica” da tenersi entro la fine dell’anno. Sogna un plebiscito e assicura che non ci sarà “nessun processo” a Giorgetti. Nel centrodestra, però, più di qualcuno strizza l’occhio al ministro. “Alla Lega- dice il sottosegretario di Forza Italia Giorgio Mulè- occorre una svolta, come Fiuggi per An”.

WHIRLPOOL, PARTONO I LICENZIAMENTI A NAPOLI

Cresce l’incertezza e la preoccupazione per la Whirlpool di Napoli. In quarantott’ore sono arrivate due brutte notizie per gli operai di via Adige. Ieri la multinazionale ha fatto partire le lettere di licenziamento per 320 lavoratori. Oggi si è pronunciato il tribunale di Napoli che ha rigettato la tesi di Fim, Fiom e Uilm, escludendo il comportamento antisindacale della società americana. Via libera, dunque, ai licenziamenti. I lavoratori hanno risposto con due ore di sciopero al sito di Cassinetta e un’assemblea a Napoli. Il segretario della Fiom campana, Rosario Rappa, assicura che “la lotta dei lavoratori continua” e l’obiettivo e’ sempre quello di tornare a “produrre nel sito di Napoli con tutti i lavoratori occupati”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»