Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

I calciatori italiani pensano a uno sciopero per ‘discriminazione fiscale’

calcio pixabay
Per il Corriere dello Sport, il Governo potrebbe confermare la tassazione ridotta per gli stranieri che arrivano in Serie A. E gli italiani potrebbero fermare il campionato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – I calciatori italiani potrebbero scioperare contro la “discriminazione fiscale”. Lo scrive il direttore del Corriere dello Sport, Ivan Zazzaroni, secondo il quale il Governo potrebbe rinnovare le facilitazioni fiscali per l’ingaggio dei giocatori stranieri, anche su pressione dei club. E questo scatenerebbe la protesta dei procuratori e dei loro assistiti.

“Nella legge di Bilancio – scrive Zazzaroni – la cui discussione si inizierà la prossima settimana in Senato, il Governo potrebbe non toccare la norma contenuta nel decreto Crescita che riduce sensibilmente la tassazione dei calciatori stranieri ‘entranti’. Qualcosa negli ultimi giorni è cambiato: non escludo che per interessi societari un dirigente con i bilanci del club ululanti sia intervenuto ‘presso l’amico politico’ con l’obiettivo di evitare che questa assurdità regolamentare venga rimossa”.

Il direttore del Corriere dello Sport prosegue: “Mi dicono che, se la notizia dovesse essere confermata, per protesta l’Assoagenti inviterebbe il sindacato troppo spesso silente (Aic) a imporre lo sciopero agli associati. I giocatori italiani potrebbero fermare il campionato per discriminazione fiscale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»