VIDEO | Coronavirus, tende dell’Esercito a Napoli per eseguire 300 tamponi al giorno

I sanitari militari effettueranno i tamponi ad appartenenti alle forze armate e dipendenti della pubblica amministrazione
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – Sono partite questa mattina le attività di screening della popolazione che vengono svolte all’interno delle due postazioni dell’esercito per l’effettuazione di tamponi installate nella sede dell’Asl Napoli 1 Centro al Frullone. I sanitari militari effettueranno circa 300 tamponi al giorno ad appartenenti alle forze armate e dipendenti della pubblica amministrazione, categorie maggiormente esposte al contatto con il pubblico. “Nelle due postazioni del Frullone – ha spiegato il tenente medico Salvatore La Gatta – sono presenti due medici e quattro infermieri dell’esercito, oltre a personale dell’Asl. Il percorso è ben definito per garantire la massima sicurezza a operatori e utenti”.

Nell’ambito dell’operazione nazionale Igea della Difesa, saranno 19 le postazioni D-t-D installate in tutta la Campania.
Oltre a quelli già attivi a Napoli, Avellino e Caserta, i Drive-through-Difesa saranno operativi da domani ad Aversa e successivamente a Teano, a Benevento, in un comune afferente all’Asl di Salerno, a Brusciano, Santa Maria La Carità e Palma Campania (Asl Napoli 3 Sud), mentre sono in corso le interlocuzioni con l’Asl per individuare le location dove posizionare altri presidi nella provincia Nord di Napoli.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Roma, l’infermiere dell’Esercito italiano: “I tamponi alla Cecchignola, ci siamo per il Paese”

“L’esercito, al pari delle altre forze armate, è stato chiamato a dare concorso al Sistema sanitario nazionale – ha detto il colonnello Giampiero Bisanti, comandante dell’ottavo reggimento Bersaglieri brigata Garibaldi – nella creazione di strutture come questa. Sono previsti circa 200 punti Drive-through-Difesa su tutto il territorio nazionale dove la popolazione civile verrà convocata per fare lo screening e verificare l’eventuale positività al coronavirus. Stimiamo di arrivare a circa 30mila tamponi al giorno. In Campania verranno creati 19 dei duecento punti previsti“. “L’esercito – ha aggiunto Bisanti -, sin dall’inizio della pandemia, è stato chiamato a concorrere con le altre forze armate a fornire sicurezza con Strade sicure, operazione che era già in itinere, ma anche il supporto logistico e quello sanitario con l’allestimento di centri dove effettuare i tamponi”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

4 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»