Brusaferro (Iss): “Siamo in fase di escalation, cresce il numero di ricoverati con sintomi”

"Alcune regioni hanno superato la soglia critica dei posti in terapia intensiva, altre regioni sono vicine": l'analisi del presidente dell'Iss Silvio Brusaferro
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Oggi ci troviamo in una fase di escalation dopo un periodo di transizione. E quindi in parte dobbiamo usare misure di contenimento, in parte misure di mitigazione”. Lo ha detto il presidente dell’Istituto superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, in audizione in Commissione Affari Sociali della Camera sul Rapporto dell’Iss e del ministero della Salute ‘Prevenzione e risposta a Covid-19: evoluzione della strategia e pianificazione nella fase di transizione per il periodo autunno-invernale’ e sullo stato attuale del monitoraggio e del tracciamento dei contagi.

“STA CRESCENDO NUMERO RICOVERATI CON SINTOMI”

“Per quando riguarda i ricoveri con sintomi non si sono ancora raggiunti i picchi, ma è un numero che sta crescendo. E questo è un elemento di grande attenzione, perché noi sappiamo che intercorre del tempo dal momento in cui si contrae l’infezione al momento in cui si manifestano dei sintomi e a quello in cui, per affrontare alcuni sintomi, si necessità del ricovero o del ricovero in terapia intensiva”, ha detto ancora Brusaferro.

“Un altro elemento importante è capire come va quella che noi chiamiamo ‘resilienza’- ha proseguito Brusaferro- cioè la capacità, una volta che la persona ha contratto l’infezione o ha sviluppato dei sintomi, di dare una risposta a questo tipo di problematica. Il primo è l’isolamento domiciliare e i numeri, in questo ultimo periodo- ha concluso- sono cresciuti molto significativamente rispetto alla fase di marzo”.

“IN ALCUNE REGIONI SUPERATA SOGLIA CRITICA POSTI TERAPIA INTENSIVA”

“Alcune regioni hanno superato la soglia critica dei posti in terapia intensiva, altre regioni sono vicine”, dice ancora Brusaferro. “Il significato- ha spiegato- è che fatto 100 l’offerta di posti letto in degenza ordinaria di area medica, oltre il 40% di occupazione per pazienti Covid vuol dire dover riprogrammare le attività per dare priorità alla clinica dei pazienti con Sars-CoV-2, dilazionando ricoveri per altre patologie”. Diverse Regioni, ha quindi aggiunto il presidente dell’Iss, hanno “superato la soglia critica”, per questo “dobbiamo cercare come Paese di garantire, dove ci sia un bisogno di ricoveri in degenza ordinaria o in terapia intensiva, che questo venga garantito”.

“ETÀ MEDIA CONTAGIATI CRESCE, ATTENZIONE A ULTRA 70ENNI”

“L’età mediana delle persone che contraggono l’infezione ha avuto all’inizio un andamento che ha sfiorato i 70 anni, poi a Ferragosto è arrivata a valori sotto i 30 anni e si è stabilizzato a fine settembre e ottobre intorno ai 40 anni, ma ora lentamente sta crescendo”, è l’analisi di Brusaferro. “Questo è un elemento di attenzione- ha proseguito Brusaferro- perché vuol dire che un alto numero di persone anziane contrae l’infezione. Anche a differenza della prima fase, dove c’era stato un picco delle infezioni nelle persone giovani, ora sono coinvolti gli ultra 70enni e questo- ha concluso- è una dato su cui fare molta attenzione”.

“FASE TRACCIAMENTO TRINCEA, LÌ SI VINCE GUERRA”

“La fase del tracciamento è la prima trincea, quella dove si vince la guerra. La capacità di tracciamento è il marchio della nostra capacità di contenere l’infezione, è la prima frontiera. Successivamente c’è la capacità di gestire a domicilio, in ospedale e nelle terapie intensive”, dice Brusaferro. “Il punto però essenziale- ha proseguito Brusaferro- è che quando il numero dei nuovi casi eccede in una certa soglia il tracciamento diventa particolarmente complesso“. Ha quindi spiegato il presidente dell’Iss: “Una persona positiva può avere 5/10 contatti, ma se una persona è particolarmente ‘sociale’ probabilmente ne ha molti di più. Allora, quando si arriva a qualche migliaio a livello di Paese si riesce in qualche modo a fare un’operazione sistematica di tracciamento e contenimento, ma quando si arriva, come siamo arrivati, a 30mila casi al giorno, questa capacità inevitabilmente viene meno. Nessun sistema realisticamente può pensare di farlo e da quel momento scattano i ‘meccanismi di mitigazione’, cioè misure che dal livello individuale passano al livello collettivo proprio per questa difficoltà a tracciare”. L’obiettivo attuale, dunque, è quello di “riportare il numero di nuovo casi giornalieri ad una soglia sostenibile per tutti i nostri sistemi regionali”, ha concluso.

“ASINTOMATICI IN MOLTI CASI TRASMETTONO”

“Non ci sono oggi forti evidenze rispetto agli asintomatici, sul fatto se trasmettano o non trasmettano” il virus. “Noi sappiamo che gli asintomatici in molti casi trasmettono, in alcune situazioni il tampone molecolare positivo, soprattutto quando richiede un numero di cicli del test particolarmente elevato, ha una bassissima probabilità di individuare un virus attivo, ma probabilmente intercetta dei ‘pezzettini’ di virus che però non sono in grado di replicarsi. È una minoranza e oggi certamente questo discrimine non è facile. Però sappiamo che gli asintomatici possono trasmettere, quindi oggi gli è richiesto di stare in isolamento domiciliare con le famose regole per cui al decimo giorno con un tampone negativo possono uscire”, aggiunge ancora Brusaferro nella sua analisi.

“Oggi ci troviamo in una fase di crescita della curva epidemica- ha poi spiegato Brusaferro- ma tutti auspichiamo che gli interventi a livello nazionale e regionale ci consentano di piegare questa curva e di rientrare in una fase più controllata. Tutti quanti noi sappiamo che viviamo in una stagione invernale, dove questa infezione ci accompagnerà fino a quando non avremo degli strumenti. Noi stiamo immaginando di lavorare in maniera transitoria, cioè abbiamo delle fasi in cui c’è una crescita spiccata un po’ in tutto il Paese, in alcune zone più spiccata che altrove, e questo richiede una escalation delle misure di mitigazione e contenimento. Poi è chiaro che nel momento in cui avessimo dati che ci mostrano come questa diffusione è rallentata, contenuta e rientra nella nostra capacità di risposta di resilienza, queste misure vengono rilassate. Il che non vuol dire ‘liberi tutti’, perché dovremo comunque affrontare i prossimi mesi con questa circolazione del virus. Quindi i livelli di cautela minimi- ha concluso- dobbiamo comunque riuscire a mantenerli”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

4 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»