Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Pandora Papers: da Shakira a Tony Blair, politici e vip con tesori nei paradisi fiscali

shakira_tony_blair
Secondo l'ong Oxfam International i 'Pandora Papers' svelano dove sono le risorse sottratte in particolare ai Paesi poveri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Politici e governanti con rilievo e visibilità mondiale sfruttano i paradisi fiscali sottraendo risorse alle popolazioni anche in fasi di vulnerabilità accentuata, come quella della pandemia, segnate da bisogni accresciuti di servizi sociali: a denunciarlo ong internazionali, sulla base dei documenti dei “Pandora Papers” svelati da un’inchiesta giornalistica.

LEGGI ANCHE: “The Laundromat”, commedia buia sui Panama Papers con Meryl Streep e Gary Oldman

Il lavoro, coordinato dai reporter dell’International Consortium of Investigative Journalists (Icij), si è concentrato su meccanismi di elusione fiscale sistematica. Pubblicati, ieri, più di 11 milioni e 900mila documenti con i nomi di oltre 29mila beneficiari di società offshore che beneficiavano del paradiso fiscale di Panama. Coinvolti 35 capi di Stato o di governo e oltre 300 politici di oltre 90 Paesi: ministri, capi di partito, parlamentari. Nei documenti anche molti vip, tra questi Shakira, Julio Iglesias, l’ex top model tedesca Claudia Schiffer.

Nelle carte compaiono società riconducibili al presidente del Kenya, Uhuru Kenyatta, al re di Giordania, Abdullah II, all’ex primo ministro britannico Tony Blair, al capo di Stato del Gabon, Ali Bongo Ondimba, a quello della Repubblica del Congo, Denis Sassou-Nguesso, o ancora a quello dell’Ecuador, Guillermo Lasso. Secondo Oxfam International, una ong con sede a Londra, i “Pandora Papers” svelano il vaso di Pandora delle risorse sottratte in particolare ai Paesi poveri, che avrebbero bisogno di investimenti in infrastrutture e servizi di base.

“Ecco dove sono gli ospedali che mancano” ha denunciato l’organizzazione. “Ecco dove sono le buste paga degli insegnanti, dei pompieri e dei funzionari pubblici di cui abbiamo bisogno. Ecco dove dobbiamo guardare ogni volta che un politico o un businessman sostiene che non ci sono i soldi per far fronte ai disastri ambientali o per finanziare le innovazioni per una ripresa post-Covid equa o per garantire piu’ aiuti internazionali allo sviluppo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»