Comunali a Roma, Cirinnà chiede le primarie: “Elemento costitutivo del Pd”

Ancora stallo per il candidato in casa dem, Monica Cirinnà è pronta a correre alle primarie
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Oggi, come sempre di domenica, ho dedicato piu’ tempo alla lettura dei giornali, e mi sono soffermata sul pezzo de L’Espresso su ‘la corsa al Campidoglio’. Alla fine della lettura mi e’ tornato in mente il vecchio motto di Mao Zedong : grande e’ la confusione sotto al cielo, quindi la situazione e’ eccellente. Ho fatto, poi, un pensiero piu’ personale: vengo definita animalista, vegetariana e femminista. Non ritengo da stigmatizzare queste mie scelte di vita: sono elementi che dimostrano la coerenza tra cio’ che predico e cio’ che pratico”. Lo scrive su facebook la senatrice Monica Cirinna’ (Pd).

LEGGI ANCHE: Roma, Cirinnà: “Pronta a candidarmi alle primarie del centrosinistra”

Detto questo, aggiunge, “la vera riflessione e’ quella politica. Sulla corsa al Campidoglio, per il mio amato PD, c’e’ poco margine di manovra. Statuto del Partito Democratico nazionale Articolo 24, comma 1 ‘I candidati alla carica di Sindaco e Presidente di Regione vengono scelti attraverso il ricorso alle primarie di coalizione’. Statuto del Partito Democratico di Roma. Art.16, comma 1. ‘Il Partito Democratico di Roma assume le primarie come elemento costitutivo della propria rappresentanza e della propria proposta politica affinche’ le stesse traggano legittimazione e vitalita’ dal rapporto diretto con i cittadini elettori'”.

“Parto da queste due citazioni per ricordare quanto siano centrali le primarie per il PD, considerate addirittura come elemento costitutivo. Rappresentano un rapporto diretto con la nostra gente che in troppi territori abbiamo perso e che dobbiamo, a tutti i costi, recuperare. Penso che le primarie abbiano, in questa fase politica, delle funzioni importanti: quella di provare a riunire il popolo del centro sinistra cosi’ deluso, rassegnato e disgregato, ma anche quella di offrire a coloro che non si riconoscono ne’ nel ‘disastro Raggi’ ne’ nella prospettiva populista della destra, un luogo di ascolto, dialogo e partecipazione dove ripensare il futuro di Roma. Un futuro da costruire insieme ripartendo dalle identita’ ideali e culturali collettive e dei singoli“.

Ogni citta’, prosegue Cirinna’, “ha le sue specificita’, la sua storia, il suo DNA. E per scegliere chi dovra’ correre per la carica di sindaco e’ indispensabile confrontarsi con quelle specificita’, quella storia, quel DNA. Se si vuole correre per vincere, naturalmente. La ridda di nomi che circola ormai da settimane e che dovrebbero calare dall’alto senza un confronto democratico, fa male al dibattito e allontana, invece che avvicinare, la nostra gente. Ogni comunita’ ha delle regole che sceglie per se’ liberamente, un insieme di principi che, una volta stabiliti vanno rispettati. Il PD ha scelto, giustamente, di dare un ruolo centrale alle primarie: sarebbe incomprensibile fare diversamente. E lo sarebbe ancor di piu’ se le primarie non coinvolgessero tutta l’area di centro sinistra, unita in una coalizione, che si rivolga a tutte le forze politiche, civiche e ai movimenti”.

“Dal tavolo della coalizione prendera’ vita il programma comune, frutto dell’ascolto delle forze sociali ed economiche, il regolamento delle primarie stesse e, solo dopo questi passaggi, la scelta dei candidati. Ben venga che ci siano nomi diversi pronti a mettersi in gioco: e’ una ricchezza! Facciamo le primarie e vinca il migliore o la migliore”, conclude.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

4 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»